Coronavirus, scoppia l'ironia sul Web: le frasi umoristiche dilagano sui social

L’emergenza coronavirus sul Web ha scatenato anche l’ironia e l’umorismo per quello che sta accadendo in Italia. Non mancano le clamorose rivisitazioni di brani celebri come il celebre inno milanese: ‘O mia bela madunina’ che, per l’occasione, si è trasformato in ‘O mia bela amuchina…’ oltre a frasi ed aforismi che stanno circolando in Rete, con l’intento di sdrammatizzare un po’ il clima di tensione che si è ‘respirato’ (con le mascherine, naturalmente…) nel nostro Paese.

Coronavirus e scuola, considerazioni ironiche

A proposito della scuola, c’è chi fa ironia sul fatto che il coronavirus, almeno, ha fatto sapere all’Italia intera che nelle scuole manca il sapone: ‘#tragediebrevi E fu così che si scoprì che in molte scuole italiane manca il sapone nei bagni. Fine.’
Per quanto riguarda la chiusura delle scuole in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, ecco che si scatena l’ironia pungente: ‘Nonne sul piede di guerra. Non ne possono più di tenere i nipoti dalle sette di mattina per chiusura scuole da coronavirus. Hanno la loro vita. Avevano.’

In Rete scatta l’ironia sul Coronavirus

C’è chi ironizza sui nomi: ‘Che poi a noi è andata di c**o con Wuhan, pensate ai TG cinesi che devono dire ‘Casalpusterlengo’
Ironia sul Web proveniente dalla Calabria sul coronavirus: ‘Calabria sempre ultimi in tutto…ma per adesso siamo tra le poche Regioni ad essere immuni dal coronavirus…’
C’è chi rispolvera un famoso detto: Italiani, popolo di santi, poeti, navigatori e….virologi’
Di nuovo l’Amuchina sugli scudi: ‘Altro che negozi “Compro Oro”, apriranno negozi “Compro Amuchina’.
C’è chi fa ironia sul famoso ‘incidente’ di Papa Francesco: “Coronavirus”: ecco cosa voleva (pre)dire la cinese a Papa Francesco.”
L’umorismo sul Covid-19 è anche a sfondo tecnologico: ‘Un mio amico che lavora in Cina mi ha detto di non prendere il COVID-19 perché a settembre esce il 20.’
Battute scherzose anche in merito ad alcuni comportamenti imbarazzanti: ‘Ai tempi del Coronavirus fa più rumore una soffiata di naso che una scor***gia’
E sempre in tema: ‘Una volta se ti scappava una scor***gia in pubblico dovevi far finta di tossire, adesso se ti scappa un colpo di tosse devi far finta di scor****are!’
Infine, nuovi metodi per rimorchiare: ‘Vuoi salire da me a lavarti le mani?’