Riapertura scuola,

La decisione, da parte del Governo Conte, di ordinare la chiusura delle scuole in tutta Italia per effetto dell’emergenza da coronavirus, continua a far discutere. Se il premier Conte ha parlato di decisione non facile da prendere, dall’altra l’Istituto Superiore della Sanità intende fare chiarezza sulle polemiche che sono scoppiate dopo l’ufficializzazione di tale provvedimento.

Coronavirus e chiusure scuole: ISS ‘Le misure devono avere due obiettivi’

Nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta poco fa presso la sede della Protezione Civile, il Presidente dell’Istituto Superiore della Sanità, Silvio Brusaferro, ha dichiarato: “Le misure del decreto servono a contenere il virus e quindi coerenti con l’obiettivo di ridurre il contagio. Ci sono diversi pareri e trovano sintesi nel decreto. Misure devono avere due obiettivi: personale e collettivo dei comportamenti. Si tratta di misure coerenti con l’obiettivo che stiamo perseguendo: ridurre la probabilità che il virus circoli tra le persone”.

‘Potrebbe esserci una proroga sullo stop alle lezioni’

Sulla questione è intervenuto anche il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli:
La chiusura delle scuole è un sacrificio che serve e va fatto. La partita riguarda tutti i cittadini. Il documento che abbiamo mandato al governo non aveva indicazioni sulla durata di chiusura della scuola. Quanto è stato deciso dal consiglio dei ministri non è distante dalle indicazioni che avevamo dato per limitare il contagio e potrebbe esserci una proroga sullo stop alle lezioni”.