Il Miur

Ieri il Miur ha pubblicato un comunicato riguardante le disposizioni dell’ultimo DPCM sull’emergenza Coronavirus. Ha introdotto il discorso ricordando che il decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e che contiene anche misure per Scuola e Università. Vediamo quali.

Coronavirus, il comunicato del Miur

Nel comunicato, il Miur riassume le disposizioni per scuola e Università legate all’emergenza Coronavirus.

Scuola

  • Fino al 15 marzo 2020, sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche nelle scuole. Nelle zone rosse le scuole e i servizi per l’infanzia sono invece chiusi.
  • I viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado sono sospesi fino al prossimo 3 aprile. Viene quindi prorogata la precedente scadenza del 15 marzo.
  • Ferme restando le sospensioni previste fino al 15 marzo, nel periodo successivo, la riammissione per assenze dovute a malattia infettiva di durata superiore a 5 giorni, avviene dietro presentazione di certificato medico, anche in deroga alle disposizioni vigenti.
  • I dirigenti scolastici attivano, per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche nelle scuole, modalità di didattica a distanza, con particolare attenzione alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità.

Università

  • La frequenza delle attività didattiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, di corsi professionali, master e università per anziani è sospesa fino al 15 marzo 2020, con possibilità di svolgere attività formative a distanza.
  • Sono esclusi dalla sospensione i corsi post universitari connessi con l’esercizio di professioni sanitarie, ivi inclusi quelli per i medici in formazione specialistica, le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie e mediche.
  • Nelle Università e nelle Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, per tutta la durata della sospensione, le attività didattiche e curriculari possono essere svolte, se possibile, con modalità a distanza, individuate dalle medesime Università e Istituzioni, con particolare riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità.
  • Le Università e le Istituzioni, successivamente al ripristino dell’ordinaria funzionalità, assicurano, dove ritenuto necessario e, in ogni caso, individuandone le relative modalità, il recupero delle attività formative nonché di quelle curriculari e di ogni altra prova o verifica, anche intermedia, che risultino funzionali al completamento del percorso didattico.
  • Le assenze maturate dagli studenti non sono computate ai fini della eventuale ammissione ad esami finali nonché ai fini delle relative valutazioni.

Il comunicato