Docenti e ATA Covid: 'lo stipendio non è una concessione, ma un diritto'
Docenti e ATA Covid: 'lo stipendio non è una concessione, ma un diritto'
Il Tribunale di Foggia sez. lavoro con sentenza n. 657/2020 del 11/02/2020, ha dichiarato il diritto alla rideterminazione dell’anzianità di servizio per ricostruzione della carriera.

Comunicato studio legale BFI

Rideterminazione dell’anzianità di servizio per ricostruzione della carriera: “Nel caso specifico , la docente dopo essere transitata dalla scuola materna (ove aveva prestato servizio dal 25-8-2004) alla secondaria di II grado (giusto decreto 23/2016) avendo formulato domanda di ricostruzione della carriera non le era stato riconosciuto come utile a quei fini il servizio (12 anni) svolto presso la scuola materna. Di contro l’Amministrazione deduceva non risultare presentata alcuna istanza e che, conseguentemente, avere adottato il criterio della temporizzazione, unico consentito nei passaggi di ruolo dalla scuola materna alla secondaria, nella assenza di disposizioni utili al riconoscimento ai fini della carriera di quel servizio (come invece previsto dall’aet. 487 d.l.vo 297/94 per i passaggi dalla scuola secondaria di primo grado a quella di secondo.”

La sentenza

“Il tribunale adottando e confermando la linea difensiva degli avvocati Buonamano Antimo, Giuseppe Izzo e Fausto Fusco dello Studio legale BFI, ho deciso che: “In tema di passaggi di ruolo del personale docente, per effetto del combinato disposto degli artt. 77, 83 del d.P.R. n. 417 del 1974 e art. 57 della l. n. 312 del 1980, all’insegnante che passi dalla scuola materna alla secondaria l’anzianità maturata nel ruolo della scuola materna deve essere riconosciuta in misura integrale, anziché nei limiti della cd. temporizzazione. (Cassazione civile sez. un., 06/05/2016 n. 9144).
In definitiva il giudice ha dichiarato  il diritto dalla ricorrente al riconoscimento- ai fini della ricostruzione della carriera- dell’intero servizio prestato nella scuola materna a fare data dal 25-8-2004 e al pagamento degli arretrati nei limiti della prescrizione quinquennale a ritroso dalla data di notifica del ricorso qui depositato in data 1-4-2019.”