Concorsi scuola, ecco le nuove disposizioni contenute nell'ultimo DPCM
Concorsi scuola, ecco le nuove disposizioni contenute nell'ultimo DPCM

L’emergenza coronavirus che sta mettendo in ginocchio il nostro Paese fa sorgere numerosi interrogativi in merito all’uscita dei bandi e allo svolgimento delle prove concorsuali ordinarie e straordinarie che interessano migliaia e migliaia di docenti nonché sul regolare svolgimento delle prove preselettive inerenti il V ciclo TFA sostegno.

Concorsi docenti ed emergenza coronavirus: per ora il riferimento resta il Decreto Milleproroghe

Al momento non vi è alcuna certezza al riguardo, per il momento il Ministero dell’Istruzione non ha diramato alcuna comunicazione in merito. In relazione all’uscita dei bandi di concorso, ricordiamo che, per ora, occorre attenersi a quanto disposto nel Decreto Milleproroghe dove è stato stabilito che i bandi di concorso scuola, sia ordinario che straordinario, dovranno uscire entro il prossimo 30 aprile. Prima dell’emergenza coronavirus, tale ‘deadline’ veniva considerata particolarmente ‘comoda’, in quanto all’inizio di febbraio l’uscita dei bandi veniva considerata imminente: ora, però, la situazione è repentinamente cambiata e, purtroppo, possiamo attenderci qualsiasi tipo di decisione da parte del Governo.

TFA sostegno, improbabile il calendario delle prove preselettive

Per quanto riguarda, invece, il TFA sostegno sembra decisamente improbabile che le prove preselettive del V ciclo possano svolgersi regolarmente il prossimo 2 e 3 aprile (il giorno 2 per l’infanzia e la primaria, il 3 per la secondaria di I e II grado).
Considerando, infatti, che le misure restrittive adottate nelle ultime ore dal Governo non permettono spostamenti all’interno del proprio territorio e verso altri territori (almeno fino al 3 aprile), se non per ragioni lavorative, di salute o necessità, e che sono vietati gli assembramenti di persone, è molto difficile che questo calendario possa essere rispettato.
Ricordiamo quanto esposto nel DPCM del 9 marzo, all’articolo 1 comma 1:
‘Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 le misure di cui all’art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 sono estese all’intero territorio nazionale.’
Si fa riferimento all’articolo 1, comma 1, lettera a), del DPCM dell’8 marzo:
‘a) evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori di cui al presente articolo, nonche’ all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessita’ ovvero spostamenti per motivi di salute. E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza’
Intanto quasi tutti i bandi sono stati pubblicati dalle Università: per quanto riguarda l’iscrizione, non sono attese proroghe nelle scadenze dei termini, quindi queste dovranno essere rispettate dai potenziali candidati.