Coronavirus, Giulio Gallera in TV: 'Resistiamo, io penso che la svolta è vicina'

L’assessore regionale al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, è intervenuto nella trasmissione ‘Agorà’ in onda su Rai 3 in merito alla situazione attuale riguardante l’epidemia da coronavirus.

Giulio Gallera in TV: ‘Dobbiamo resistere, tra otto giorni penso che ci sarà una svolta’

‘La Lombardia sta resistendo con i denti, anche oggi la battaglia l’abbiamo vinta. Le temperature stanno diventando miti – ha dichiarato Gallera – ma non usciamo il sabato e la domenica. Stiamo a casa anche se c’e’ il sole. Sabato scorso la situazione era agghiacciante, con gente nei parchi e per strada. Se resistiamo otto giorni, io penso che arriviamo a una svolta. Gli effetti delle misure “cinesi” – ha aggiunto Gallera – non si potranno valutare prima della fine della prossima settimana.’

Loading...

L’assessore regionale al Welfare della Regione Lombardia chiede misure più restrittive

Se da una parte l’assessore regionale al Welfare della Lombardia si appella ai cittadini per osservare scrupolosamente le disposizioni governative, confidando in una prossima svolta positiva della situazione, dall’altra insiste affinché vengano presi dei provvedimenti restrittivi ancora più duri ed efficaci al fine di ‘soffocare’ il coronavirus, con un effetto favorevole per tutto il Paese.
“Chiediamo di fare un eccezione per la Lombardia, la regione più colpita, con un’ulteriore chiusura di negozi e aziende. Non tutte, ma almeno quelle non legate ai servizi pubblici essenziali, con lo scopo di rallentare ancora la diffusione.” Gallera ha parlato di “attivita’ commerciali come profumerie, ottici. Ce lo chiedono sia i lavoratori che i datori di lavoro che oltretutto registrano già un alto tasso d’assenteismo”.