Scuola, concorso ATA 24 mesi ultime notizie: si teme il caos per l'emergenza coronavirus
Scuola, concorso ATA 24 mesi ultime notizie: si teme il caos per l'emergenza coronavirus

Il Miur, tramite la nota 5196 dell’11 marzo scorso, ha avviato i concorsi per titoli all’accesso ai ruoli provinciali, in relazione ai profili professionali dell’area A e B del personale Ata, graduatorie 24 mesi per l’anno scolastico 2020-2021.

Concorso 24 mesi personale Ata, domande entro il prossimo 10 aprile ma si teme il caos per il coronavirus

I bandi saranno pubblicati dagli Uffici Scolastici Regionali entro il prossimo 10 aprile ma la gravissima situazione in cui versa il nostro Paese a causa del coronavirus fa temere il caos.
Il sindacato Anief ritiene che sia necessario ratificare una proroga per la presentazione della domanda a data da destinarsi, non appena l’attuale momento di crisi sanitaria sarà ufficialmente concluso.
Il Ministero della Pubblica Istruzione, secondo il sindacato, non può discostarsi dalle direttive emanate dal Presidente del Consiglio dei Ministri.
Le modalità di presentazione dei moduli, infatti, è cartacea, per cui gli interessati potranno presentare a mano la domanda presso l’AT ovvero inviarla per Raccomandata A/R o PEC. Tale adempimento, appare in netto contrasto con i vari DPCM pubblicati a seguito dell’emergenza che stiamo vivendo. Una situazione ancora più difficile da affrontare se si pensa alla chiusura di tante attività e di taluni uffici postali, oltre che alla decisione di non ricevere il pubblico adottato da alcuni Uffici Scolastici e al divieto di uscire di casa se non per particolari e giustificati motivi.

Loading...

Come avviene l’invio delle domande: sindacati chiedono proroga termini presentazione delle domande

L’invio delle domande per il concorso Ata 24 mesi andrà fatto: con modalità tradizionale, ovvero tramite i modelli di domanda allegati B1, B2, F e H mediante raccomandata A/R ovvero consegnati a mano ovvero mediante PEC, all’Ambito Territoriale Provinciale della provincia d’interesse entro i termini previsti dal relativo bando; tramite istanze online, in un momento successivo il modello di domanda allegato G di scelta delle sedi delle istituzioni scolastiche.
Occorre sottolineare quanto indicato dall’articolo 1, comma 1, lett. m) del DPCM dell’8 marzo scorso dove si sospendono ‘le procedure concorsuali pubbliche e private ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica’.
Anche i sindacati FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola Rua, SNALS Confsal e GILDA Unams, chiedono il rinvio:
‘Tanto premesso, si chiede di interrompere ogni attività amministrativa legata alla mobilità, alle graduatorie dei 24 mesi ed ogni altra attività di gestione del personale che richieda consulenza e informazioni che gli Uffici scolastici non possono dare, anche in considerazione del fatto che le sedi sindacali non possono svolgere alcuna azione di supporto per la chiusura totale cui sono soggette le loro attività.
La richiesta di rinvio discende dal fatto che gli aspiranti non possono avere la consulenza degli uffici né dei sindacati, essendo le loro sedi chiuse, considerata l’attività svolta.’

Loading...

Cosa dice la nota Miur sulla valutazione delle domande concorso ATA 24 mesi

Il Ministero dell’Istruzione, per quanto riguarda l’aspetto della valutazione delle domande, ha specificato quanto segue nella nota ministeriale: ‘Si evidenzia che il DPCM 9 marzo 2020, a seguito dell’evolversi della situazione epidemiologica del COVID 19, ha esteso a tutto il territorio nazionale l’articolo 1, comma 1, lett. m), del DPCM 8 marzo 2020, con il quale si sospendono “…. le procedure concorsuali pubbliche e private ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica; …”. È pertanto rimessa alla discrezionalità delle SS.LL. l’assunzione delle determinazioni più opportune per procedere alla valutazione delle domande con modalità a distanza o, in caso contrario, garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.’