Governo e PA ultime notizie
Governo e PA ultime notizie

Le anticipazioni sul prossimo decreto per la prevenzione del Coronavirus, prevedono misure a favore dei lavoratori pubblici, tra cui: permessi legge 104, congedi e lavoro agile. Le riporta la FLC CGIL.

Coronavirus: estensione permessi legge 104/92 e congedi

Il nuovo decreto per la prevenzione da COVID-19 prevede l’estensione della durata dei permessi mensili della legge 104 per assistere i familiari disabili. Per i mesi di marzo e aprile 2020 è previsto la possibilità di chiedere l’incremento di 12 giornate dei permessi di cui allart. 33, comma 3, della legge 104/92 (assistenza familiare disabile in condizione di gravità) nel limite della spesa prevista.

Loading...

Congedi parentali

Previsto un congedo parentale straordinario fino a 15 giorni, retribuito al 50%,  per chi ha figli fino a 12 anni. Il congedo non sarà retribuito per tutta la durata dell’emergenza, ma viene garantito il diritto alla conservazione del posto di lavoro. Inoltre:

  • viene erogato esclusivamente se entrambi in genitori lavorano come dipendenti e non prevede limiti di età in caso di figli con grave disabilità che frequentino le scuole di ogni ordine e grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale.
  • il congedo è negato se uno dei due genitori beneficia di forme di sostegno al reddito o del lavoro a distanza.
  • ci sarà la possibilità di astenersi dal lavoro per i genitori con figli minori, di età compresa tra i 12 e i 16 anni, per il periodo di sospensione dei servizi per l’infanzia e delle attività nelle scuole, senza corresponsione di indennità né riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.
  • Le disposizioni sono valide anche per i genitori affidatari.

Lavoro agile ed esenzione

Durante lo stato di emergenza da Coronavirus, il lavoro agile costituirà la modalità̀ ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa delle PA. In tutti i casi in cui non sia possibile ricorrere al lavoro agile, le amministrazioni utilizzano i seguenti strumenti:

  1. ferie pregresse,
  2. congedo,
  3. banca ore,
  4. rotazione
  5. altri analoghi istituti, nel rispetto della contrattazione collettiva.

Solo dopo aver esaurito queste possibilità, le PA possono procedere all’esenzione del personale dal servizio, anche mediante il criterio della rotazione.  Tale periodo è equiparato al servizio prestato a tutti gli effetti, ai fini economici e previdenziali. Misure per la scuola.