Coronavirus notizie 17 marzo, picco contagi in Italia, quando? Il parere degli esperti

Tutta Italia lo aspetta, ognuno di noi sta trattenendo il fiato in attesa di quel fatidico momento: il picco dei contagi da coronavirus. Quando? Gli esperti stanno studiando i numeri e ipotizzano i possibili scenari che, giorno dopo giorno, ora dopo ora, troverebbero sempre più fondamento.
Il quotidiano ‘Repubblica‘ di oggi 17 marzo ha riportato le opinioni degli esperti in merito.

Picco contagi coronavirus, quando?

Il professore di informatica e fisica della Northeastern University di Boston, Alessandro Vespignani, ritiene che la curva epidemica del coronavirus scenderà entro breve tempo in Italia. Secondo il farmacologo del Mario Negri, Silvio Garattini, il picco dovrebbe arrivare alla fine di questa settimana con 30-40mila contagi.
Non è di questo avviso, però, il direttore del reparto Malattie Infettive dell’ospedale ‘Sacco’ di Milano, Massimo Galli, che ritiene che il picco non sia ancora imminente. La maggior parte dei contagi che si stanno rilevando in questi giorni sono infezioni contratte una o due settimane fa: ci sono tantissime infezioni che non vengono sottoposte a test che potrebbero generare nuovi contagi.
La nota positiva, comunque, è determinata dal fatto che si sta notando un rallentamento nel tempo di raddoppio dei contagi.
Enrico Bucci, professore di Biologia dei sistemi alla Temple University di Philadelphia, il picco non si può ancora prevedere: per ora, infatti, continua a crescere in modo esponenziale. È auspicabile che vi possano essere diversi picchi, speriamo molto bassi, in ogni Regione, in modo da non mandare in crisi le strutture sanitarie.

Loading...

Che cosa succederà dopo che saranno arrivati i picchi dell’epidemia?

Tutti vorremmo che il picco arrivasse il prima possibile ma il professor Bucci, invece, ritiene che sia meglio il contrario: un picco in tempi brevi significherebbe un numero più alto di casi gravi da dover gestire. Sarebbe meglio, invece, procrastinare i picchi in tempi più lunghi, dilazionati nel tempo.
Un’altra domanda che tutti gli italiani si stanno ponendo: cosa succederà dopo, torneremo liberi? Secondo Walter Ricciardi, membro del Comitato Scientifico della Protezione Civile, in teoria, il virus potrebbe tornare a colpire. Bisognerà allentare i contatti almeno sino a quando non sarà stata trovata una terapia specifica per il Covid-19.

Loading...