Graduatorie d'istituto, ministro Azzolina: 'Impossibile aggiornarle ora, ecco perché'

Il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è intervenuto via Skype a SkyTg24 per parlare della situazione attuale della scuola in relazione all’emergenza coronavirus.

Azzolina: ‘Riapertura scuole? Penso che si andrà nella direzione indicata dal presidente Conte’

In merito ad una possibile data ipotetica per la riapertura delle scuole, il Ministro ha risposto: ‘Penso si andrà nella direzione che ha detto il presidente Conte di prorogare la data del 3 aprile ma in questi giorni invito tutti alla massima responsabilità. Non è possibile dare al momento una data di riapertura, dipenderà tutto dallo scenario epidemiologico. Riapriremo quando avremo la certezza di mandare negli istituti studenti e personale scolastico in totale sicurezza’.

Loading...

Personale ATA e questione scuole ‘aperte’

Lucia Azzolina ha risposto anche sulla questione scuola ‘aperta’ per il personale ATA: ‘Voglio fare chiarezza sulla questione: in Italia c’è la credenza che il Ministro dell’Istruzione possa chiudere le scuole: in realtà il Ministro non ha questo potere. Abbiamo fatto una nota per limitare al massimo la presenza del personale scolastico nelle scuole. Le scuole si dovranno organizzare, ringrazio la Ministra Dadone che ha scritto una norma molto importante sul lavoro agile che permetterà alle scuole che sapranno organizzarsi anche di poter chiudere: l’importante è che la scuola non si fermi, nel senso che ci sono delle scadenze, delle attività da portare avanti e che vanno fatte. I dirigenti scolastici, insieme al personale, dovranno organizzarsi nel massimo rispetto della norma e dell’autonomia scolastica.’

Loading...

Smart Working

Sullo smart working ecco il punto di vista del Ministro Azzolina: ‘Le scuole avranno la possibilità di organizzarsi seguendo le regole. Ringraziamo tutto il personale, che sta facendo uno sforzo titanico in un momento di emergenza del pianeta: con tutti i mezzi possibili i nostri insegnanti stanno provando a garantire un rapporto con gli studenti.’