Mobilità scuola 2020/1, proposta del Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani
Mobilità scuola 2020/1, proposta del Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani

In riferimento all’ordinanza pubblicata dal Ministero dell’Istruzione riguardante la mobilità del personale docente, educativo e ATA per l’anno scolastico 2020/2021, forniamo alcuni chiarimenti in relazione ai docenti assunti dalle Graduatorie di merito del concorso 2018 scuola secondaria.

Mobilità e vincolo quinquennale: docenti FIT immessi in ruolo nell’anno scolastico 2019/2020

Per quanto concerne i docenti ‘FIT’ immessi in ruolo nell’anno scolastico 2019/2020, questi sono tenuti a restare presso l’istituzione scolastica di immissione in ruolo, nel medesimo tipo di posto e classe di concorso, per almeno altri 4 anni, tranne che si verifichi il caso di sovrannumero o esubero o l’applicazione dell’articolo 33, commi 5 e 6, della legge 104/92, limitatamente a fatti sopravvenuti dopo il termine di presentazione delle domande per il concorso. I docenti neoimmessi in ruolo nel 2019/2020 da Graduatoria di merito del concorso DDG 85/18 sono, dunque, soggetti al vincolo quinquennale, così come quelli individuati dal Decreto Ministeriale 631/10 e assunti con decorrenza giuridica ed economica dall’anno scolastico 2019/2020.

Docenti immessi in ruolo nell’anno scolastico 2018/2019

Diversa, invece, la situazione per i docenti immessi in ruolo nell’anno scolastico 2018/2019. Infatti, secondo quanto indicato dalla legge N. 145 del 30 dicembre 2018 (art. 1, comma 795), ai soggetti avviati al percorso triennale di formazione iniziale, tirocinio e inserimento nella funzione docente (FIT) nell’anno scolastico 2018/2019, continuano ad applicarsi le disposizioni preesistenti.
Ne deriva che questi docenti potranno presentare domanda di mobilità volontaria.