Azzolina
Scuola, ultim'ora: quando riapriranno le scuole? Azzolina risponde in Question time alla Camera

Il ministro Azzolina ha iniziato il suo intervento in diretta al Senato sulla scuola di oggi 26 marzo, rammentando che il nuovo decreto dispone che i provvedimenti presi per l’emergenza Coronavirus possano essere rinnovati per 30 giorni al massimo, per volta. Ha ricordato che i decreti precedenti prevedevano per la scuola:

  • chiusura o sospensione delle attività didattiche
  • stop a gite e viaggi di istruzioni
  • lavoro agile
  • pulizia straordinaria
  • stop concorsi
  • contratti di supplenza breve e saltuaria
  • internalizzazione LSU

Ha inoltre informato di aver firmato il decreto per la ripartizione delle risorse alle scuole.

Quando si torna a scuola?

Il ministro ha detto sul ritorno a scuola: “Si tornerà a scuola, se e quando, sulla base di quanto stabilito dalle autorità sanitarie, le condizioni lo consentiranno.” “La didattica a distanza diventa una scelta obbligata, se si vuole restare accanto agli studenti” ha proseguito. Oltre 5 miliardi di studenti nel mondo, non vanno a scuola in questo momento. In Italia sono 8,3 milioni.

Validità anno scolastico e Maturità

La validità dell’anno scolastico 2019/20 è garantita in deroga alla legislazione vigente. Sulla maturità  ha detto: “Il mio orientamento è di proporre una commissione formata da soli membri interni, con presidenti esterni. Da un lato, ciò vale a tutelare gli apprendimenti effettivamente acquisiti. Dall’altro, un presidente esterno si fa garante della regolarità dell’intero percorso d’esame.”

In conclusione, tanti dati ma poche novità.