Coronavirus, da domani 4 maggio scatta fase 2: le novità, misure meno rigide per l'autocertificazione

Durante la sua informativa al Senato, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha confermato il prolungamento delle misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate dal governo almeno sino al 13 aprile, ovvero sino al giorno di Pasquetta.

Loading...

Roberto Speranza: ‘Prolungamento misure di limitazione almeno fino al 13 aprile’

Speranza ha sottolineato poi come il governo sia stato costretto ‘a concentrare grandissima parte delle nostre risorse nella lotta contro il coronavirus e sarà così ancora per tanto tempo. Senza un vaccino non sconfiggeremo mai il Covid – ha proseguito il ministro della Salute – siamo tutti consapevoli che per un periodo non breve dovremo sapere gestire questa fase di transizione ed evitare l’esplosione di nuovi focolai. Ma anche i malati cronici, come gli oncologici e di altre patologie, come quelle rare, meritano la massima attenzione e dovremmo su di loro costruire specifiche politiche per la fase che verrà.’

Loading...

‘Esperienza collettiva durissima, non è il tempo delle divisioni politiche’

‘Dobbiamo uscire da questa crisi più forti di come ci siamo entrati – ha esortato Speranza – questa che stiamo vivendo è una esperienza collettiva durissima, e dimostra come il sistema sanitario nazionale sia il patrimonio più prezioso che possa esserci. Appare chiaro quanto sia fondamentale tornare a sviluppare in parallelo con gli ospedali una rete dei servizi territoriali di prevenzione, integrando politiche sanitarie e politiche sociali. Non è il tempo delle divisioni – ha ribadito il ministro – L’unità e la coesione sociale sono indispensabili in queste condizioni, come ha detto il presidente Mattarella”.