assunzioni 2020/2021
assunzioni 2020/2021

L’emergenza Coronavirus inevitabilmente ha comportato una riorganizzazione della macchina scolastica, a partire dalla discussa didattica a distanza, portando con sè  anche le incognite relative all’avvio del prossimo anno scolastico. Uno dei problemi che si pone è quello relativo in particolare alle modalità di assunzione per l’a.s 2020/2021.

Sospensione procedure concorsuali anche in ambito scolastico

Il presupposto da cui partire è la chiara circolare emessa il 1° aprile dalla Ministra della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, in cui al comma 5 si legge che “lo svolgimento delle procedure concorsuali per l’accesso al pubblico impiego, ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, sono sospese per sessanta giorni a decorrere dall’entrata in vigore del presente decreto” (60 giorni quindi a partire dalla metà di marzo).

Loading...

Nonostante quindi l’intenzione della Ministra Azzolina di voler indire bandi ordinari e straordinari di concorso entro il 30 aprile, come confermato nel Decreto Scuola, la sospensione concorsuale dovrebbe riguardare anche il comparto scolastico, prediligendo o la modalità concorsuale per titoli e servizi, che non prevede l’espletamento di alcuna prova, o la modalità telematica, se possibile.

Marcello Pacifico, “mancata volontà di procedere con concorsi per titoli e servizi”

Buona parte del personale scolastico precario, già deluso dal rinvio dell’aggiornamento delle Graduatorie d’Istituto, è ulteriormente scontento delle procedure selettive per l’assunzione in ruolo nell’a.s 2020/2021.

E di questo malcontento si è fatto portavoce il presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico, che tramite social e il sito del sindacato autonomo ha fatto sapere il suo parere in merito alle decisioni del Ministro Azzolina: “È evidente che il problema non è nella modalità della procedura selettiva, ma nella mancata volontà per la scuola di procedere con concorsi per titoli e servizi. Nella scuola queste liste sono pronte, perchè già abbiamo le graduatorie d’istituto, composte proprio da titoli e servizi, così come le graduatorie Ata 24 mesi. Anzichè puntare su concorsi per ora fantasma perchè non espletabili, perchè non ci si muove per assumere in ruolo e valorizzare il merito del personale precario, insegnanti e Ata, che da tanti anni sopperisce alla mancanza di decine e decine di migliaia di lavoratori di ruolo?”

Risulta dunque chiaro l’emendamento presentato dal sindacato Anief, che punta a voler trasformare le attuali graduatorie d’istituto già da quest’anno, in graduatorie provinciali o comunque in graduatorie concorsuali a cui potranno accedere solo quegli insegnanti che abbiano maturato almeno 3 anni di servizio. Graduatorie quindi usate come ulteriore canale da cui attingere per l’assunzione a tempo indeterminato per l’a.s 2020/2021.