Riapertura scuole, Licia Ronzulli attacca: 'Altro che responsabilità, Azzolina sta giocando allo scaricabarile'
Riapertura scuole, Licia Ronzulli attacca: 'Altro che responsabilità, Azzolina sta giocando allo scaricabarile'

La bozza di Decreto scuola approvata ieri dal CdM, contiene la norma che rende la didattica a distanza obbligatoria. Una norma molto contestata e ritenuta illegittima. In conferenza stampa, la ministra Azzolina ha ritenuto opportuno spendere due parole sulla questione.

Didattica a distanza: cosa dice la bozza di decreto scuola

La bozza di decreto scuola annunciata ieri ufficialmente in conferenza stampa, contiene il seguente passaggio sulla didattica a distanza:

Loading...

In corrispondenza della sospensione delle attività didattiche in presenza a seguito dell’emergenza epidemiologica, il personale docente assicura comunque le prestazioni didattiche nelle modalità a distanza, utilizzando strumenti informatici o tecnologici a disposizione.”

Le parole di Lucia Azzolina

In conferenza stampa, Lucia Azzolina ha voluto fare chiarezza sulla didattica a distanza, probabilmente proprio per gli attacchi ricevuti. “Didattica a distanza non può essere uno strumento opzionale in un momento di emergenza, ci sta permettendo di concludere l’anno scolastico. Quindi, non renderla più opzionale ma chiave di volta per il sistema educativo del momento significa dare dignità a tutti gli insegnanti che hanno fatto tantissimo. Li incito a lavorare di più da qui alla fine dell’anno scolastico” sono state le sue parole.