Diretta conferenza stampa Lucia Azzolina oggi 16 maggio: dove seguirla in streaming
Diretta conferenza stampa Lucia Azzolina oggi 16 maggio: dove seguirla in streaming

L’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia, Melania Rizzoli, ha pubblicato una nota all’interno della quale ha descritto la videoconferenza odierna organizzata dalle Regioni con il ministro dell’Istruzione, Azzolina. Melania Rizzoli ha affermato di aver aspettato oltre un mese per questo incontro.

Assessore all’istruzione regione Lombardia attacca ministro Azzolina: ‘Incalzata, ha abbandonato l’incontro’

Regione Lombardia, secondo quanto dichiarato dall’assessore all’Istruzione, ha posto al ministro una serie di domande specifiche e urgenti: ‘Tra i molti temi posti all’attenzione del Ministro – ha spiegato l’assessore Rizzoli – abbiamo incluso: modalità di prosecuzione dell’anno scolastico in corso e avvio del prossimo, risorse per didattica digitale, detrazione per le spese delle scuole paritarie, regole per la formazione professionale e gli ITS e i fondi per il sistema 0-6‘.
‘Il Ministro – ha sottolineato l’assessore Melania Rizzoli – non solo non ha risposto alla gran parte delle domande ma, dopo essere stata incalzata, ha abbandonato l’incontro interrompendo il suo collegamento video e lasciando gli assessori regionali davanti ad uno schermo vuoto.’

Loading...

Assessore Rizzoli: ‘Preoccupati e sconfortati, la scuola italiana è in pessime mani’

‘Speravamo che dopo lo sgarbo istituzionale di aver approvato il decreto scuola senza incontrare le regioni – ha proseguito l’assessore all’istruzione – il Ministro intendesse avviare, finalmente, un confronto serio e pragmatico. Questo non è avvenuto e non possiamo che dirci preoccupati e sconfortati. L’incontro di questa mattina certifica che la scuola italiana è in pessime mani e il rischio che si intravvede e che i nostri giovani pagheranno il conto della totale inadeguatezza di questo Ministro. Non avendo avuto neppure l’indicazione di una data per un futuro confronto non possiamo augurarci altro se non che, almeno nel dibattito parlamentare, possano trovare spazio le nostre istanze’.