Miur
Miur

Note Miur su supplenze: la Cisl scuola fa notare difformità la nota 392 del 18 marzo e la nota 8615 del 5 aprile 2020.

Supplenze e Coronavirus, quali sono le regole?

La nota del Ministero dell’Istruzione 392 prevedeva la conferma dei contratti di supplenza in essere durante il periodo dell’emergenza sanitaria, anche in caso di rientro del titolare. Questo, sebbene il decreto non contenesse questa esplicita previsione ma parlasse di limite delle risorse disponibili. Con la successiva nota del 5 aprile, le indicazioni fornite sono evidentemente difformi rispetto a quanto prima definito. La CISL Scuola ha inviato un telegramma per chiedere un intervento del Miur, per chiarire la questione e riaprire le funzioni per il completamento delle operazioni di inserimento dei contratti, improvvisamente chiuse da venerdì scorso.

Loading...

Cosa è cambiato con la seconda nota Miur

Dopo la nota Miur del 5 aprile, possono essere conferite supplenze al personale docente solo in caso di assenza del titolare. Ma sono troppe le questioni rimaste aperte. La Cisl scuola le sintetizza così:

  • i contratti già inseriti con codice n19 reso disponibile dall’Amministrazione, devono essere evidentemente retribuiti, considerando che la prestazione lavorativa è comunque avvenuta;
  • deve essere chiarito come devono operare le istituzioni scolastiche nel caso di supplenze conferite con il codice n19 la cui durata si estende oltre il 3 aprile;
  • alcuni contratti potrebbero essere stati stipulati ma non essere stati inseriti a sistema, considerando che la funzione è stata repentinamente bloccata già nella giornata di venerdì 3 aprile. Occorre pertanto riaprire le funzioni per poter inserire anche questi contratti.