UDU, in discussione alla Camera emendamento per la deroga ai requisiti di merito per le borse di studio: 'Garantire a tutti il diritto di studio'
UDU, in discussione alla Camera emendamento per la deroga ai requisiti di merito per le borse di studio: 'Garantire a tutti il diritto di studio'
Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa inviatoci da UDU (Unione degli Universitari).

UDU, in discussione alla Camera emendamento per la deroga ai requisiti di merito per le borse di studio: ‘Garantire a tutti il diritto di studio’

Dopo le nostre continue richieste nelle scorse settimane sia informali sia elaborate nel Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, è stato presentato ed è in discussione oggi alla Camera l’emendamento 100.4 al decreto Cura Italia che prevede, per tutti gli studenti in possesso dei requisiti relativi alla condizione economica, la deroga al conseguimento dei requisiti di merito necessari a confermare o usufruire delle borse di studio.

“Nel caso dovesse passare la votazione, o si riformulasse almeno in un abbassamento degli stessi requisiti di merito, si tratterebbe di un risultato molto importante – spiega Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari – che agevolerebbe gli studenti in questo periodo molto complicato per tutti a causa delle difficoltà nel seguire la didattica online, sostenere esami e proseguire il proprio percorso accademico, permettendo e tutti coloro che ne hanno diritto di poter ricevere la borsa di studio. ”

“Lo stesso criterio verrebbe applicato anche per i requisiti di merito necessari alla conferma della NoTax Area – continua Gulluni – misura fondamentale per gli studenti in difficoltà economica con un reddito basso che sono stati ulteriormente colpiti dall’emergenza sanitaria.”

Conclude Gulluni: “Chiediamo che il Governo e il Ministero dell’Università prendano subito atto delle richieste e ascoltino la voce di tantissimi studenti che in queste settimane di crisi vedono messo a serio rischio il proprio diritto allo studio. Nessuno deve essere lasciato indietro!”