Decreto scuola, emendamento Lega per la didattica mista come in Spagna

Date:

Oggi partirà il confronto in Parlamento per la trasformazione del Decreto scuola del 8 aprile 2020. Oltre a discutere le possibili soluzioni per la regolare conclusione dell’anno in corso e le modalità degli Esami di Stato si discuterà anche come avviare in sicurezza il prossimo anno. Tra gli emendamenti, alcuni riguardano la didattica a distanza. Tra questi quello della Lega è molto simile alla linea seguita in Spagna.

La Lega chiede didattica mista a settembre

La Lega suggerisce in un emendamento al Decreto scuola un sistema di didattica mista in presenza e a distanza con alternanza degli alunni, che prevede la partecipazione alle lezioni di ogni alunno un giorno in presenza e il giorno successivo a distanza, ipotizzando un massimo di 10 alunni in classe distanziati e forniti dei necessari dispositivi di protezione.

Il piano scuola della Spagna

Il quotidiano spagnolo El Pais affronta il tema del rientro in aula a settembre. Il governo spagnolo sta lavorando a un piano per ridurre il numero degli studenti per classi. Non sarà possibile raddoppiare il personale ed aumentare gli spazi scolastici a motivo dei problemi di bilancio del paese. Per questo motivo si andrà ad un sistema di istruzione mista in cui gli studenti frequentano le lezioni a turni, al mattino e al pomeriggio, o in giorni o settimane alternate, e lavorano a casa l’altra parte del tempo. “La salute degli studenti non può essere messa a rischio” ha dichiarato il ministro della Pubblica Istruzione, Isabel Celaà.

Share post:

Newsletter

Ultime Notizie

Potrebbe interessarti
Potrebbe interessarti

Roma, lite tra studentesse in un liceo della Capitale: intervengono i Carabinieri

Un incidente turbolento si è verificato in un istituto...

Concorsi Docenti 2024, prova orale: elenco avvisi USR estrazione lettera [in aggiornamento]

Concorsi Docenti 2024 - Il processo selettivo per i...

Stipendi NoiPA Aprile 2024: qualcosa non torna, cedolini ridotti di circa 100 euro

In Aprile 2024, alcuni dipendenti pubblici potrebbero notare una...