Esami conclusivi primo ciclo, retromarcia Azzolina: “possibile tempi più lunghi”, news 14/05

Date:

Clamorosa retromarcia durante la sua audizione alla Camera della ministra pentastellata Lucia Azzolina a proposito dei tempi stretti per lo svolgimento degli esami conclusivi del primo ciclo. Le sue iniziative normative scritte nero su bianco nella bozza dell’OM sugli esami (circolata in questi giorni un po’ dappertutto) dovranno subire delle ulteriori modifiche.

Il protagonismo e l’inesperienza della ministra Azzolina la costringono ogni giorno a continui cambi di rotta

Lo ha dichiarato ieri la stessa ministra, la quale ha precisato che i tempi inizialmente fissati potranno subire uno slittamento al fine di svolgere tutte le procedure con la massima tranquillità.

Il ripetersi di posizioni contraddittorie e il continuo cambio di rotta farebbe trapelare un po’ di inesperienza e nel contempo troppo protagonismo. Da più parti in questi giorni sono giunte voci di dissenso da parte degli addetti ai lavori circa il ripetersi di dichiarazioni roboanti e assolutamente fuori luogo della stessa Azzolina.

Contraddicendo tutto quello scritto sulla bozza, la ministra dichiara: “Accogliendo gli appelli pervenuti, ho subito dato la mia disponibilità a concedere tutto il tempo che serve alle istituzioni scolastiche per svolgere tutto il procedimento in assoluta serenità”. Non dimentichiamo però che tutto questo potrebbe tradursi in un anomalo quanto mai inconsueto slittamento della tempistica oltre il 30 giugno.

L’ennesima marcia indietro, frutto di troppo egocentrismo o di inesperienza? Probabilmente le risposte coincidono. Un ministro della Repubblica dovrebbe parlare di meno e agire di più.

In quella bozza ricordiamo che gli esami di terza media avrebbero dovuto concludersi entro la data presunta dell’8 giugno e le Associazioni dei Presidi hanno bersagliato la prima inquilina del dicastero di Viale Trastevere quasi immediatamente. Le proteste si sono fondate sulla strana tempistica ipotizzata dalla Azzolina per lo svolgimento di tutta la procedura d’esame.

Quello che fa discutere infine è la sua posizione di ministro e nel contempo di insegnante. I più attenti hanno sollevato un vero e proprio polverone per la sua mancanza di attaccamento al suo precedente ruolo di addetta ai lavori. Insomma, da una insegnante e da una futura Preside ci si aspettava più solidarietà e più comprensione per questo settore visto che ha vissuto in prima persona negli anni precedenti le delicate fasi relative agli esami finali del primo ciclo di istruzione.

Esami conclusivi primo ciclo, Azzolina: “Non ci sarà il sei politico e sarà possibile non ammettere all’anno successivo”

Le dichiarazioni – Per quanto concerne l’argomento valutazione la ministra precisa alcuni dettagli che tanto stanno a cuore ai presidi e agli stessi docenti: il 6 politico e le bocciature. Ecco cosa dichiara Lucia Azzolina in tal senso: “Resta ferma la possibilità di non ammettere all’anno successivo studentesse e studenti con un quadro carente fin dal primo periodo scolastico”. E poi continua:”La valutazione avverrà sulla base di quanto effettivamente svolto, gli alunni potranno essere ammessi alla classe successiva anche in presenza di voti inferiori a 6 decimi, in una o più discipline. Ma non sarà ‘6 politico’. Le insufficienze compariranno nel documento di valutazione“.

Share post:

Newsletter

Ultime Notizie

Potrebbe interessarti
Potrebbe interessarti

Roma, lite tra studentesse in un liceo della Capitale: intervengono i Carabinieri

Un incidente turbolento si è verificato in un istituto...

Concorsi Docenti 2024, prova orale: elenco avvisi USR estrazione lettera [in aggiornamento]

Concorsi Docenti 2024 - Il processo selettivo per i...

Stipendi NoiPA Aprile 2024: qualcosa non torna, cedolini ridotti di circa 100 euro

In Aprile 2024, alcuni dipendenti pubblici potrebbero notare una...