Qui di seguito vi riportiamo una frase molto controversa. Sembra incredibile, ma essa si trova all’interno di un libro di scuola elementare: “Rossella è così bella da sembrare un angelo, mentre sua sorella è talmente brutta che nessun ragazzo la degna di uno sguardo”. A denunciare la frase è stato il deputato Alessandro Fusacchia, genitore di una bambina. Su Facebook, il parlamentare si è molto lamentato, affermando: “Questa è roba da far venire voglia anche al più incallito liberale di invocare la censura”. Il ministro dell’istruzione Lucia Azzolina ha invece affermato: “Frasi semplicemente vergognose”. 

SEI TALMENTE BRUTTA CHE NESSUN RAGAZZO TI DEGNA DI UNO SGUARDO Due libri usciti di recente. Entrambi per bambini….

Pubblicato da Alessandro Fusacchia su Domenica 17 maggio 2020

Scuola, altre frasi sessiste sul libro delle elementari

Quella citata nell’introduzione al nostro articolo, non è l’unica frase sessista contenuta nel libro di scuola elementare. Come riporta Sky TG24, vi sarebbe un esercizio, in cui l’alunno deve terminare delle frasi con le parti corrette. In una di queste frasi da completare si può leggere: “Lucia è troppo grassa…” che dovrebbe essere completata con: “…per indossare una minigonna”.

Azzolina: “Segnaleremo ad Associazione Editori”

Il ministro Lucia Azzolina ha commentato molto duramente le frasi incriminate, affermando nel corso di un’intervista all’agenzia Ansa: “Quelle frasi sono semplicemente vergognose”. La ministra ha proseguito: “Faremo i dovuti approfondimenti e segnaleremo la cosa all’Associazione italiana editori, che siamo certi offrirà la sua collaborazione per evitare che cose del genere accadano ancora”. Il ministro dell’istruzione ha inoltre precisato come bisognerà essere ancora più severi nei confronti del sessismo da ora in avanti.

L’ira di Lucia Azzolina, già di per sé comprensibile, è motivata ulteriormente da tale ragionamento: “La scuola si batte ogni giorno per educare le ragazze e i ragazzi al rispetto, all’uguaglianza.” Azzolina è preoccupata che tale lavoro sia vanificato se non si presta la dovuta attenzione ai messaggi che vengono trasmessi ai nostri ragazzi. Lucia Azzolina ha fatto notare come simili commenti non siano confinati a semplici libri di testo, ma vengono spesso usati anche sui social, purtroppo.