Valutazione a scuola
Valutazione a scuola

L’associazione Proteo Fare Sapere definisce ‘grave e sconcertante’ la scelta della Ministra Lucia Azzolina sul tema della valutazione di fine anno contenuta nell’Ordinanza ministeriale presentata alcuni giorni fa. La nota è riportata dal sito del sindacato FLC CGIL.

La ministra Azzolina ‘ha mostrato la totale sordità agli appelli’

Perché la scelta di Azzolina in tema di valutazione di fine anno è giudicata grave? “Ancora una volta questa Ministra ha mostrato la totale sordità nei confronti degli appelli che da tutto il mondo associativo e professionale le erano stati rivolti affinché, proprio in considerazione dei caratteri straordinari di questa fine d’anno, almeno nella scuola primaria fosse evitato l’uso del voto decimale” si legge nella nota.

Loading...

Il termine “sconcertante”, invece, si riferisce alle motivazioni fornite dal ministro per spiegare il perché della sua scelta, ovvero che il non uso del voto decimale avrebbe prodotto una modifica ordinamentale, non giustificata né adeguatamente meditata. “Di fronte alla nullità di cultura pedagogica che sta dietro queste affermazioni non resta che prenderne amaramente atto”, scrive l’associazione.

Loading...

I docenti della scuola primaria vengono invitati a sorprendere la Ministra con una protesta a distanza, per “riprendersi in mano l’autonomia che affida ai docenti il potere di scegliere criteri e strumenti per la valutazione, al di là delle scelte ministeriali”.