Coronavirus fase 2, DL N. 33 in GU: testo integrale, attività didattiche in presenza sospese fino al 31 luglio
Coronavirus fase 2, DL N. 33 in GU: testo integrale, attività didattiche in presenza sospese fino al 31 luglio

La situazione sulla stabilizzazione dei precari è ancora in fase di stallo. Conclusosi in un nuovo nulla di fatto il vertice durato tre ore a cui hanno presenziato il presidente del consiglio Giuseppe Conte, il ministro dell’istruzione Lucia Azzolina e i capigruppi della maggioranza. Al centro della questione l’oramai famigerato concorso straordinario per 25 mila posti su cui non si è ancora trovato un accordo: prova computer based o semplice concorso per titoli? Il destino al riguardo è ancora incerto.

Precari: Conte vuole trovare un punto di accordo

Come informa Sky TG24, Giuseppe Conte ha intenzione di trovare una mediazione per sbrogliare la matassa sui concorsi, in maniera tale che essi possano essere svolti nei prossimi mesi senza più polemiche. Al momento, le date sull’inizio delle prove sono ancora incerte. Si pensa che lo straordinario dovrebbe essere svolto (in via del tutto eccezionale) ad Agosto, se non essere anticipato addirittura a luglio.

Loading...

Per quanto riguarda il concorso ordinario, esso dovrebbe essere svolto in autunno, forse nel mese di ottobre. Ricordiamo che lunedì prossimo dovrebbe essere votata la norma del decreto scuola. Intanto, l’ultima riunione sembra essere stata pregna di malumori; due gli schieramenti contrapposti, Movimento 5 stelle e Italia Viva da una parte, LeU e PD dall’altra.

Loading...

Un concorso per soli titoli è così improbabile?

LeU e PD stanno cercando di avere a tutti i costi un concorso per soli titoli. Il tutto sarebbe giustificato dall’emergenza da Coronavirus: proporre in questo periodo un concorso “standard” equivarrebbe ad un elevato rischio di assembramento e ad una circolazione più facile del virus. Lucia Azzolina e Italia Viva pretendono, invece, un concorso con tanto di prove, a meno che la curva dei contagi non subisca una nuova impennata.

Cosa ne pensano i sindacati?

Sigle sindacali come Uil, Snals e Cgil si sono dette pronte a mobilitarsi e a mettere la parola fine sulla tregua sindacale attualmente vigente, se non si arriverà alla decisione di bandire un concorso per soli titoli. Oramai c’è poco tempo: il decreto scuola, all’esame del Senato, dovrà prima essere esaminato dalla Camera e passare alla fine di maggio. In seguito, dovrà essere varato in maniera definitiva entro il 7 giugno.