scuola
La Task Force del Miur prepara le proposte per la riapertura della scuola: le ultime notizie

La Task Force del Miur lavora alla riapertura delle scuole a settembre. Le ipotesi previste dal comitato presieduto dal prof. Bianchi, prevedono per le scuole superiori orari scaglionati e lezioni più corte, oltre che una didattica a distanza limitata al minimo.

Riapertura, entrate scaglionate a scuola fino alle 10

Limitare la didattica a distanza al minimo indispensabile e permettere ai ragazzi di stare in classe più tempo possibile: questa l’ipotesi per gli studenti delle scuole superiori prevista dal Comitato per la riapertura della scuola. Il comitato, quindi, intende proporre entrate ad orari scaglionati, con ingressi fino alle 10.

L’idea avrà un ulteriore vantaggio, oltre a quello evidente di non far viaggiare tutti contemporaneamente, ovvero di migliorare il clima in classe: secondo gli studi medici, gli adolescenti rendono di più nelle ore centrali della giornata. Naturalmente, chi entra dopo, esce da scuola dopo. Il numero delle ore curriculari non cambia: cambierà solo la distribuzione nell’arco della giornata e della settimana.

Un’altra possibilità è suddividere le classi senza scioglierle, in attesa di un ritorno alla normalità. A decidere come modulare l’orario scolastico saranno i collegi dei docenti delle singole scuole.

Lezioni più corte?

Per rendere attuabile quanto scritto sopra, i presidi potrebbero decidere di ridurre la durata della singole lezione, passando a 50 o 40 minuti.  Così gli insegnanti potrebbero fare più lezioni nell’arco delle loro ore di lavoro contrattuale. Tutte ipotesi che attendono la pronuncia del CTS e la decisione finale del Miur.