Scuola primaria: dal prossimo anno potrebbe tornare il giudizio
Scuola primaria: dal prossimo anno potrebbe tornare il giudizio

Dal prossimo anno scolastico, gli alunni della scuola elementare potrebbero non essere più valutati con voti numerici, ma con il giudizio. È quanto previsto dall’emendamento presentato dai senatori Verducci, Rampi e Iori e approvato in Commissione e Cultura. La senatrice Vanna Iori, nel corso di un’intervista ad Ansa, ha dichiarato: “L’emendamento prevede che nella scuola primaria i bambini non possano essere considerati dei numeri.” 

Secondo Vanna Iori, un 4 nei confronti del bambino potrebbe risultare un “macigno pesante”. A differenza, il giudizio può dare una valutazione sul bambino a 360 gradi. Ovviamente, secondo Iori dovranno essere trovate le parole adeguate “con termini di giudizio sintetico”. Ha proseguito: “Il giudizio tiene conto della specificità e della individualità di ogni singolo bambino mentre il voto numerico livella e rende tutti uguali, anche se ci sono diverse motivazioni dietro a quel voto”.

Scuola primaria: forse tornerà il giudizio

Dal prossimo anno della scuola elementare, la valutazione nei confronti degli alunni potrebbe essere espressa con un giudizio e non più con i voti numerici. Questo è quanto contenuto all’interno di un emendamento presentato dai senatori Iori, Verducci e Rampi che ha ottenuto l’approvazione in Commissione Cultura e Istruzione.

L’emendamento prevede, per la precisione, che “dall’anno scolastico 2020/2021, la valutazione finale degli apprendimenti degli alunni delle classi della scuola primaria, per ciascuna delle discipline di studio previste dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo è espressa attraverso un giudizio descrittivo riportato nel documento di valutazione e riferito a differenti livelli di apprendimento, secondo termini e modalità definiti con ordinanza del Ministro dell’istruzione”. 

In realtà, nel piano dell’offerta formativa di molte scuola, i genitori già potevano trovare una griglia in cui veniva dato un significato preciso a ogni numero. Tuttavia, adesso il numero potrebbe sparire per far restare solamente il giudizio. Come leggiamo dal Corriere della sera, è molto probabile che, nel caso, il giudizio possa essere più dettagliato, verranno evidenziati gli obiettivi raggiunti e le lacune da parte dell’alunno.