MAD
MAD

Per l’anno scolastico 2020/2021 ci sarà bisogno di un numero consistente di supplenti e quindi di domande di messa a disposizione, ovvero le candidature spontanee previste dalla normativa scolastica italiana che possono essere presentate presso tutte le scuole italiane, per diventare insegnante o personale ATA per un ruolo di supplenza per una delle classi di concorso previste.

Quando si terranno i concorsi

Anche se sono usciti i bandi per i Concorsi Scuola, passerà del tempo prima che si svolgano le prove in presenza. Come annunciato dal premier Giuseppe Conte, vista l’emergenza sanitaria in cui ci troviamo, le prove del concorso si terranno dopo l’estate. È improbabile quindi che i nuovi docenti abilitati possano salire in cattedra per l’anno scolastico 2020/2021. Di conseguenza si prevede un vero e proprio boom di mad online questa estate.

L’importanza di programmare l’invio della Mad

I vantaggi di programmare l’invio della Mad sono molteplici. La programmazione permette di fare la mad in periodi più tranquilli dell’anno, non quindi a ridosso di agosto e settembre, dove ci sono tantissime mad in attesa; di ricevere una consulenza migliore e più approfondita sull’invio della messa a disposizione; di decidere quali sono i momenti migliori per l’invio assieme al consulente. Una volta programmata la mad, non si dovrà pensare più a nulla, nel periodo scelto verrà inviata automaticamente.

Come compilare la candidatura

Si può compilare la candidatura con tutti i dati anagrafici, titoli di studio e classi di concorso su una delle tante piattaforme online, o fare da soli. Chi usa una piattaforma, verrà ricontattato dal consulente per confermare i dati, a quel punto potrà chiedere di programmare l’invio nella data che più si ritiene opportuna. Come sapere quando avvengono le chiamate.