Scuola e Azzolina
Scuola e Azzolina

Il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina ha parlato della sua intervista di ieri a Il Sole 24 ore e del suo obiettivo per settembre, al momento della riapertura delle scuole: avere tutti i docenti in cattedra a settembre. Il ministro ripete anche su Facebook gli strumenti che intende usare: call veloce e aggiornamento delle graduatorie.

Riapertura scuola a settembre, obiettivo di Azzolina

Azzolina scrive in merito al suo obiettivo per settembre: “Ho spiegato che grazie alla “call veloce” a settembre avremo uno strumento in più per gestire il numero di supplenze che saranno richieste, in quanto ci permetterà di distribuire a livello nazionale le immissioni in ruolo rimaste vacanti, come tanti precari chiedono da mesi. I docenti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento (Gae) e i vincitori dei precedenti concorsi potranno fare domanda, solo se lo vorranno, in un’altra regione e accedere ad una cattedra altrimenti destinata a restare deserta.

Ho spiegato anche che grazie a un altro emendamento al #DlScuola le graduatorie che erano di istituto e cartacee diventano provinciali e digitali. Un’innovazione che riguarda un milione di persone.” Il ministro sostiene che questa novità non è scontata, visto che quando è arrivata al Ministero tutte le procedure, tranne la mobilità, erano cartacee. Poi conclude: “Lavoriamo duramente affinché il ritorno a settembre sia il migliore possibile, per il personale scolastico, gli studenti e le famiglie”.