Manfredi Potenti
Manfredi Potenti

Pubblichiamo la nota stampa giunta alla nostra redazione e inviataci dall’On. Manfredi Potenti (Lega) a proposito del Dl Scuola e della ministra all’Istruzione Lucia Azzolina.

Dl Scuola: le dichiarazioni dell’On. Potenti (Lega) sulla ministra Azzolina

“La Ministro dell’Istruzione Azzolina – che oggi ha avuto la decenza di presentarsi in Aula dopo l’assenza nella discussione di ieri – sta dando un’immagine pessima del Governo agli occhi degli studenti e degli insegnanti. 

Siamo ormai abituati ad ‘imbuti da riempire’, proposte lanciate sui social e poi subito ritrattate e fughe dai confronti con amministratori e categorie, ma in queste ore si è toccato il segno con il testo portato in Aula. Il suo decreto Scuola è da matita blu e lo ha dimostrato l’approvazione di 83 dei nostri odg per poterlo – per quanto possibile – migliorare.

L’impostazione ideologica di questa maggioranza si risente tutta nell’indifferenza totale nei confronti delle scuole paritarie che danno lavoro a 100 mila persone.

Nessuna chiarezza sulle riaperture e tanto fumo sugli interventi necessari per adeguare le strutture scolastiche alle misure anti-coronavirus. Se gli studenti italiani, che lei ama definire stucchevolmente ‘miei studenti’,  potessero dare i voti al Ministro dell’Istruzione in carica, le rifilerebbero una pagella in grado di far impallidire anche il peggior Pierino.

Si merita anche un bello “zero in condotta” per le numerose volte in cui ha ‘marinato’ l’Aula e le occasioni di confronto con le categorie e gli amministratori che chiedevano un chiarimento sulla riapertura.

Avendo avuto l’insperata fortuna di incontrarla in Aula oggi, ho così voluto omaggiare la Ministro Azzolina con il meritato premio per la sua azione di Governo: un cappello da asino. Spero che la Ministro abbia gradito il mio dono, mentre sono sicuro che gli studenti e gli insegnanti italiani non hanno affatto gradito il suo Dl Scuola”.

E’ quanto dichiara in una nota l’On. Manfredi Potenti, deputato toscano della Lega e membro II Commissione Giustizia.