Precari scuola
Supplenze Precari scuola,

Adesso che il Decreto Scuola è diventato legge, e non senza critiche e delusioni, vediamo di comprendere meglio quali sono le novità dedicate ai precari della scuola e cosa cambia per loro dopo l’approvazione dei vari emendamenti.

Decreto scuola e concorso straordinario

Con il Decreto Scuola è stato modificato il concorso straordinario per i precari della Scuola secondaria di I e II grado. La tanto contestata prova a crocette è stata eliminata e sostituita da una prova con quesiti a risposta aperta, diversa per ciascuna classe di concorso. Il bando, che era già stato pubblicato, verrà modificato.

Le prove del concorso si svolgeranno quando le condizioni epidemiologiche lo consentiranno. I vincitori immessi in ruolo nel 2021/2022, che rientrano nella quota di posti destinati all’anno scolastico 2020/2021, si vedranno riconosciuta la decorrenza giuridica del contratto dal 1° settembre 2020.

Le graduatorie si aggiornano e trasformano

Le graduatorie d’Istituto di II e III fascia saranno aggiornate, ma trasformate in provinciali con una procedura digitalizzata e semplificata per abbreviare i tempi. Il Ministero emanerà un’apposita Ordinanza e le domande si faranno online. Con la provincializzazione, saranno gli Uffici territoriali del Ministero a seguire il processo e ad assegnare le supplenze. Con il nuovo modello le supplenze saranno assegnate più rapidamente.

Il decreto prevede anche l’istituzione di un apposito Tavolo di confronto presieduto dal Ministro, per avviare percorsi abilitanti periodici e fare chiarezza sul percorso per diventare insegnanti.