Scuola, Nota Ministeriale servizio 'PagoPa': istruzioni per la corretta gestione dei dati personali

Come forse molti dei nostri lettori sapranno, dal prossimo 30 giugno le famiglie degli studenti potranno effettuare i pagamenti alle scuole non più con il bonifico ma direttamente con PagoPA: il Ministero ha pubblicato in precedenza una nota in cui viene spiegato il funzionamento della piattaforma “Pago in rete”.

Le Istituzioni Scolastiche devono adottare e utilizzare in via esclusiva la piattaforma PagoPA, in quanto i servizi di pagamento che non rientrano nella piattaforma risulteranno illegittimi: infatti, il Decreto Legislativo 165/2001, all’art. 1, comma 2, impone l’utilizzo obbligatorio del Nodo Nazionale dei pagamenti per ogni tipologia di incasso, senza nessuna esclusione.A questo proposito, il Ministero dell’Istruzione ha provveduto a pubblicare la Nota N. 1304 del 3 giugno che riporta le istruzioni per la corretta gestione dei dati personali dei soggetti versanti nell’ambito del servizio “Pago In Rete”.

Loading...

Alla nota è stato allegato il modello di informativa, predisposto dal Ministero per garantire il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, che la scuola può rilasciare ai genitori al fine di acquisire il consenso al trattamento dei suddetti dati.

Loading...

Nota Ministero dell’Istruzione su ‘Pago in Rete’: istruzioni per la corretta gestione dei dati personali

Introduzione

Nell’ambito della gestione dei pagamenti elettronici con il servizio “Pago In Rete”, le Istituzioni scolastiche possono, inter alia, trattare dati personali relativi al soggetto versante (genitore, delegato, tutore o responsabile genitoriale) in associazione con quelli dell’alunno/a per abilitare le famiglie al versamento telematico con il sistema pagoPA delle tasse e dei contributi scolastici richiesti agli alunni frequentanti per i servizi scolastici offerti.

Al fine di garantire il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali (Regolamento UE 679/2016), la raccolta di tali dati e la loro comunicazione al Ministero dell’Istruzione può essere effettuata solo previa acquisizione del consenso al trattamento da parte degli interessati. Pertanto, l’Amministrazione intende fornire, con il presente documento, puntuali indicazioni circa le modalità operative di acquisizione del consenso, al fine di uniformare e standardizzare la gestione dei dati personali da parte delle Istituzioni scolastiche.

Il servizio “Pago In Rete”

“Pago In Rete” è un sistema di pagamenti elettronici che colloquia con pagoPA, messo a disposizione dal Ministero dell’Istruzione, e che consente: – alle Istituzioni scolastiche di gestire in modo efficace i pagamenti telematici delle famiglie per i diversi servizi erogati agli alunni quali, a titolo esemplificativo, tasse scolastiche, attività extracurriculari, mensa autogestita, trasporti, viaggi di istruzione e visite didattiche; – alle famiglie di pagare telematicamente le tasse e i contributi scolastici tramite pagoPA per conto degli alunni.

Le segreterie scolastiche possono abilitare le famiglie al pagamento telematico per le tasse e i contributi scolastici con due modalità: configurando contribuzioni eseguibili in forma volontaria dagli utenti del servizio, che non prevedono l’intestazione all’alunno, oppure emettendo degli avvisi digitali di pagamento intestati agli alunni e notificandoli ai soggetti versanti ad essi associati che si fanno carico di effettuare i pagamenti richiesti. Inoltre, le segreterie scolastiche possono abilitare il rappresentante di classe, su esplicita richiesta dello stesso, alla visualizzazione e pagamento degli avvisi intestati agli alunni della classe per conto del genitore che lo ha espressamente autorizzato.

Si precisa che per i pagamenti non intestati eseguibili in forma volontaria non deve essere effettuata alcuna associazione. Le associazioni alunno-versante e alunno-rappresentante di classe sono effettuate sul portale “Pago In Rete” dalle Istituzioni scolastiche secondo le modalità descritte nei paragrafi successivi, al fine di abilitare al pagamento telematico degli avvisi intestati all’alunno. 

Modalità di associazione dell’alunno-genitore

Al fine di effettuare l’associazione tra alunno frequentante e genitore versante è necessario che quest’ultimo comunichi all’Istituzione scolastica i propri dati personali e quelli dell’alunno per il quale richiede l’associazione. Il genitore dovrà essere contestualmente informato in merito alle finalità e modalità di trattamento dei dati personali comunicati, in particolare per quanto concerne l’associazione degli stessi con i dati dell’alunno. Pertanto, per garantire il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, è stato predisposto un modello di informativa che si allega alla presente nota da rilasciare al genitore al fine di acquisire il consenso al trattamento dei dati personali.

L’informativa riporta, inoltre, un modulo attraverso il quale il genitore deve comunicare all’Istituzione scolastica i propri dati personali e quelli dell’alunno a cui essere associato per la gestione dei pagamenti intestati. Si specifica che, l’Istituzione scolastica deve ricevere il consenso da parte del genitore prima di poter procedere con l’associazione dei dati personali dello stesso con quelli dell’alunno. Per tutti i genitori che non presteranno il consenso al trattamento dei propri dati personali, non sarà possibile effettuare l’associazione con alcun alunno e, pertanto, non potranno essere notificati avvisi di pagamento intestati a tali alunni nell’ambito del servizio “Pago In Rete”.

L’associazione tra alunno e genitore versante consente a quest’ultimo, dopo aver effettuato il primo accesso al servizio “Pago In Rete” ed aver accettato le condizioni per l’utilizzo del servizio di pagamento, di visualizzare sul portale tutti gli avvisi telematici intestati agli alunni associati al proprio profilo – ancora attivi – al fine di poter provvedere ai relativi pagamenti per conto degli alunni, nonché di ricevere le notifiche email dal sistema. 

Modalità di associazione dell’alunno-rappresentante di classe

Il servizio “Pago In Rete” consente al rappresentante di classe di visualizzare e pagare gli avvisi telematici intestati agli alunni della classe per contro del genitore associato. L’associazione tra rappresentante di classe e alunni viene effettuata dalla segreteria scolastica su esplicita richiesta del rappresentante di classe, previa autorizzazione da parte dei genitori degli alunni della classe.

A tal fine, all’interno del modulo contenuto nell’informativa allegata alla presente nota, il genitore avrà la possibilità di autorizzare o meno il rappresentante di classe alla visualizzazione e al pagamento degli avvisi telematici intestati all’alunno. Si precisa che, senza il consenso da parte del genitore, il rappresentante di classe non potrà essere associato all’alunno. Tutte le volte che viene configurato un avviso di pagamento, la segreteria scolastica può decidere se abilitare o meno il rappresentante di classe alla visualizzazione e al pagamento di tale avviso intestato agli alunni della classe per conto delle famiglie.