Riapertura scuole, Azzolina si sfoga: 'Su tante scelte non è colpa mia'

Le linee guida per la riapertura delle scuole a settembre tardano ad arrivare: eppure la ministra Azzolina continua a ripetere come si stiano definendo le misure per la ripartenza della scuola in presenza e in sicurezza.

Riapertura scuole notizie 14 giugno, Sasso definisce la ministra Azzolina un ‘fenomeno che sta affossando la scuola’

Il deputato Rossano Sasso (Lega) ha sferrato un nuovo attacco alla ministra, parlando di ‘enorme lista di stupidaggini’. La scuola, secondo l’esponente del partito del Carroccio, merita concretezza, ascolto e capacità. Sasso definisce Lucia Azzolina ‘un fenomeno che sta affossando la scuola’.

‘La scuola italiana ha bisogno di normalità, di concretezza, non di fenomeni alla Azzolina’, così esordisce Sasso. ‘Nelle ultime settimane ne abbiamo sentite di tutti i colori. Dalla settimana spezzata a metà, tra presenza in classe e didattica a distanza, alle “ore” di lezione di 40 minuti.’

Poi, il deputato leghista prosegue il suo ‘elenco’. ‘Dal plexiglas tra i banchi, ai docenti che ad ogni cambio di ora dovrebbero igienizzare cattedra, lavagna e sedia.

Scuola, rientro a settembre: Sasso parla di ‘enorme lista di stupidaggini’

Tuttavia, Sasso sottolinea come ‘la lista di stupidaggini ascoltata sia enorme. Sono sincero quando dico che piange il cuore a vedere la direzione che stanno facendo prendere a ciò al quale sto dedicando la mia vita. La scuola – prosegue il deputato del partito di Salvini – merita serietà, dedizione, ascolto e capacità di trovare soluzioni concrete. Lo dobbiamo fare in primis per i nostri ragazzi, subito dopo per chi ci lavora’. Però, prima di poter giungere a questa normalità, occorre prima liberarla dai fenomeni che la stanno affossando. La nostra lotta di liberazione – conclude Rossano Sasso – continua.’