Scuola, maturità ed esami 2020
Scuola, maturità ed esami 2020

La maturità 2020 è stata strana, surreale, esclusiva. Uno dei tanti settori, la scuola, stravolto dall’inaspettata pandemia da coronavirus che in pochi mesi ha messo in ginocchio l’umanità. Un esame di maturità diverso, ma comunque serio e a norma di legge come i precedenti. Come ogni anno, docenti e studenti sono tornati a scuola per assurgere a questa importante tappa. l’agenzia Adnkronos ha raccolto umori, sentimenti e dichiarazioni alle porte del liceo Mamiani di Roma, sia all’inizio che al termine degli esami.

Maturità 2020: le dichiarazioni di una docente

Una docente, mentre attraversava i cancelli, ha dichiarato: “E’ un momento particolare. E cerchiamo di essere seri in ogni caso”. Un’altra professoressa, questa volta di latino e italiano, ha dichiarato: “È un esame. Non conta la quantità delle prove ma la serietà e la passione con cui si affronta”. L’insegnante ha parlato anche dello stato d’animo dei ragazzi, molto tesi, pur avendo studiato, precisando: “Faranno comunque l’Esame di Stato ed è un bene sia stato possibile farlo in presenza e spero di poter tornare in classe a settembre.

Loading...

Le parole della presidente di commissione

La presidente di una commissione al Mamiani, entrando, ha dichiarato che “i ragazzi meritano questo esame in presenza”. Studenti e docenti escono da una situazione molto difficile, quella data dalla didattica a distanza, che ha creato non pochi problemi ai diretti interessati. La presidente dalla commissione ha affermato di essere sempre dalla parte dei ragazzi, quelli ovviamente che se lo meritano. Ha comunque rassicurato che sono tutti ragazzi in gamba e che “hanno grandi possibilità di poter tirare fuori il meglio di loro”.

Le impressioni di una studentessa

Adnkronos ha poi reso note le testimonianze della dolce Claudia, una ragazza descritta con un viso un po’ teso, ma sorridente sotto la mascherina. È stata accompagnata dal padre all’ingresso, dove l’ha salutata, in quanto Claudia non ha voluto nessuno ad assisterla. La studentessa ha dichiarato: “Paura? Sì. Non ho dormito molto. Ho ripassato. Sono agitata sono la prima della mia classe. Speriamo bene“.

“Il presidente è un amore”

Carlotta, altra studentessa dell’istituto romano, che all’uscita da scuola ha baciato e abbracciato mamma e papà, dichiarando: “E’ andata bene, i professori molto disponibili. Non mi sono trovata a disagio”. La ragazza ha definito il presidente di commissione un “amore”, in quanto non avrebbe chiesto nulla, mettendola a suo agio.