Graduatorie provinciali 2020
Scuola, novità GPS 2020 e Graduatorie di Istituto: confronto tabelle titoli valutabili

Gli aspiranti supplenti attendono la pubblicazione dell’Ordinanza Ministeriale che conterrà tutte le indicazioni per la riapertura e l’aggiornamento delle graduatorie di istituto trasformate in graduatorie provinciali. Ricordiamo che, a partire dal prossimo anno scolastico 2020/1, le supplenze al 30 giugno e al 31 agosto verranno assegnate dagli Uffici Scolastici: nella domanda, l’aspirante supplente sceglierà l’intera provincia.

Supplenze brevi e saltuarie e domanda graduatorie provinciali: quali scuole scegliere?

Discorso diverso, invece, per le supplenze brevi e saltuarie. Il docente potrà scegliere, nella stessa provincia di inserimento, fino a venti scuole per la copertura dei posti vacanti. Le supplenze brevi e saltuarie si riferiscono a quelle assenze dovute a malattia, gravidanza, aspettativa breve, vale a dire quelle situazioni contingenti che non è possibile prevedere ad inizio anno scolastico.

Il contratto per supplenza temporanea può avere come durata massima fino all’ultimo giorno di lezione (la data in questione cambia a seconda della regione).

Graduatorie provinciali 2020, i dirigenti scolastici assegneranno le supplenze brevi

Saranno i Dirigenti Scolastici ad occuparsi dell’assegnazione delle supplenze temporanee, procedendo con lo scorrimento degli elenchi a propria disposizione.

Le supplenze temporanee saranno assegnate dai Dirigenti Scolastici, che scorreranno gli elenchi a disposizione. Trattandosi di supplenze derivanti da circostanze imprevedibili, non è possibile prevedere in anticipo in quali scuole potranno esserci delle opportunità di prestare servizio. Il consiglio che, di solito, viene dato all’aspirante supplente è quello di scegliere istituzioni scolastiche facilmente raggiungibili: tutto ciò è giustificato soprattutto nel caso in cui la provincia scelta dal docente sia particolarmente estesa dal punto di vista territoriale.

Nella scelta delle scuole, quindi, ci si affiderà ad una valutazione personale, in base all’ubicazione degli istituti rispetto al proprio luogo di residenza, oltre ad altri fattori di preferenza. 

Scelta scuole: l’aspirante supplente partecipa per tutte le proprie classi di concorso presenti in una scuola

Ricordiamo che le scuole da scegliere sono al massimo venti, indipendentemente dal numero di classi di concorso per le quali si è iscritti in seconda e/o terza fascia.

Chi è iscritto in più classi di concorso potrà scegliere, comunque, un numero massimo di venti scuole: esattamente come chi si iscrive per una sola classe di concorso.

Occorre sottolineare, però, che quando si sceglie una scuola si partecipa per tutte le proprie classi di concorso presenti in quella scuola. L’aspirante supplente potrà scegliere anche delle scuole in cui la propria classe di concorso non è presente: così concorrerà a supplenze su sostegno senza titolo.