Il Ministero dell'Istruzione e i sindacati si sono confrontati sulle Gae oggi, lunedì 22 giugno

Come vi abbiamo relazionato sabato scorso, Ministero dell’Istruzione e sindacati si sono ritrovati oggi, 22 giugno, per discutere in merito all’aggiornamento annuale delle graduatorie ad esaurimento. Come riferisce una nota pubblicata da Anief, l’Amministrazione centrale ha presentato la bozza del Decreto Ministeriale.

Aggiornamento annuale graduatorie ad esaurimento, pronto Decreto

I docenti inseriti nelle graduatorie ad esaurimento, come ogni anno, potranno dichiarare il conseguimento del titolo di specializzazione sul sostegno, delle specializzazioni didattiche differenziate e il possesso dei requisiti utili per beneficiare della riserva del posto secondo quanto contenuto nella Legge 68/1999.

Il presidente di Anief, Marcello Pacifico, ha commentato il confronto odierno: ‘Le tempistiche previste dal Ministero nella bozza che ci è stata presentata appaiono troppo ristrette vista l’emergenza sanitaria che abbiamo vissuto negli scorsi mesi. Così non va bene e si comprimono i diritti dei lavoratori.’

Tempistiche troppo ristrette per la domanda: Anief protesta

‘L’ultima finestra annuale di aggiornamento di questi titoli di precedenza e di specializzazione, – ha spiegato la delegata Daniela Rosano – è quella del 2018, visto che nel 2019 le GaE sono state direttamente aggiornate, e il decreto annuale prevedeva tempistiche per la domanda dal 21 giugno al 9 luglio 2018. Ridurre questi termini, così come ha previsto il Ministero, proprio adesso, appare davvero un’incongruenza. Ci aspettiamo che il Ministero tenga conto della nostra espressa richiesta’.
Pacifico ha parlato della riserva del posto (Legge 68/99): ‘Per beneficiare della riserva del posto, ad esempio, i requisiti di legge si dovranno possedere entro il termine di presentazione delle domande, che da quanto prospetta il Ministero potrebbe essere il prossimo 3 luglio, ma non dobbiamo dimenticare che a causa dell’emergenza sanitaria sono state sospese le visite medico-legali in presenza per l’accertamento dell’invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità e che comunque tutte le attività delle Commissioni Mediche competenti sono state rallentate.’
Anief ha chiesto al Ministero dell’Istruzione di considerare questa problematica. La delegata Chiara Cozzetto ha fatto presente che chi ha un contratto in scadenza al 30 giugno, per aggiornare l’iscrizione al collocamento mirato o per effettuarla per la prima volta, deve avere un numero sufficiente di giorni per l’espletamento della procedura: in tempi come questi, non è affatto sufficiente solo una manciata di giorni a propria disposizione.