Coordinamento Precari della Scuola Autoconvocati: 'Il rientro a scuola senza docenti'
Coordinamento Precari della Scuola Autoconvocati: 'Il rientro a scuola senza docenti'

Le linee guida Miur per la riapertura a settembre, si basano in parte sulle indicazioni del Comitato tecnico scientifico. In generale, possiamo affermare che ci sono dei punti fermi, delle norme quasi certe. Ma alcune potrebbero essere modificate proprio dal CTS.

Rientro a scuola, i punti fermi delle linee guida Miur

I punti fermi per la riapertura della scuola nelle linee guida Miur, basati sul documento del CTS sono:

  • un metro di distanza da bocca e bocca
  • due metri di distanza tra la cattedra e la prima fila di banchi
  • divieto di accesso con 37,5 di febbre (misurazione a casa)
  • non essere stati a contatto con un soggetto positivo al Covid-19 nei 14 gg precedenti
  • non essere stato in quarantena o isolamento nei 14 gg precedenti
  • sanificazione degli ambienti
  • uso della mascherina nelle zone comuni (ancora da rivedere)
  • igienizzazione delle mani. opportunità di svolgere test sierologici su docenti e personale scolastico e che fissano per fine agosto la dead line per un eventuale aggiornamento sull’obbligo generalizzato di indossare i dispositivi di protezione.
  • possibile scaglionamento degli ingressi (soprattutto alle superiori).

Cosa potrebbe essere modificato

Il Sole 24 Ore spiega che il CTS potrebbe modificare le norme sui dispositivi di protezione (mascherine). Entro fine agosto, il Comitato tecnico scientifico si pronuncerà sull’eventuale allentamento dell’obbligo di mascherina. Se la situazione lo permetterà, almeno alla primaria potrebbe essere eliminato l’uso all’interno delle classi.

Ma sembra che la situazione stia evolvendo proprio in questa direzione già da ora. Durante l’incontro di ieri tra Cts, presidi e sindacati sarebbe emersa propria questa intenzione.