Naspi, ultime notizie 11/7: le possibili date di pagamento della mensilità di luglio

Secondo alcune indiscrezioni l’indennità di disoccupazione Naspi di luglio dovrebbe essere pagata in questi giorni, ovvero entro la prima decade di questo mese. Alcune testimonianze parlano appunto di accrediti già presenti sui conti correnti a partire da giorno 8 luglio.

Naspi, assegno di luglio in pagamento in questi giorni

Per ottenere la Naspi, cioè l’indennità di disoccupazione, bisogna inoltrare apposita domanda all’INPS, l’Ente che riconosce ed eroga al lavoratore disoccupato questa tipologia di indennizzo. Ovviamente la Naspi viene riconosciuta a chi ha perso, senza la propria volontà, il precedente lavoro.

Loading...

L’indennità Naspi viene erogata al disoccupato dall’INPS, con cadenza mensile e per una durata massima di 24 mesi. Per riceverla occorre possedere alcuni requisiti, tra questi:

  • Il versamento di contributi per almeno 13 settimane, nei 4 anni precedenti;
  • Il disoccupato deve avere all’attivo 30 giornate di lavoro effettuate nel corso dell’anno.

Una volta terminato il contratto di lavoro (per la scuola solitamente questa data corrisponde al 30 giugno) l’ex lavoratore dovrà inoltrare all’INPS, a far data dall’1 luglio, la domanda per il suo riconoscimento. L’Ente di previdenza autorizzato alla corresponsione dell’apposita mensilità di indennità potrà accogliere o meno tale richiesta.

Perché è importante che venga liquidata la mensilità di luglio? Perché l’accredito dell’importo di questa mensilità equivale al riconoscimento di tale indennizzo. Visto che si tratta della prima mensilità non esiste una data precisa per il suo pagamento. Lo stesso però è garantito con cadenza mensile una volta riconosciuta la prima erogazione.

Naspi: in alcune località il pagamento della Naspi di luglio è avvenuto a partire da giorno 8

Le indiscrezioni giunte anche alla nostra redazione parlano di Naspi pagata a partire da ieri, venerdì 10 luglio 2020. Alcuni beneficiari hanno già ricevuto i tanto attesi assegni di disoccupazione.

Da sottolineare, inoltre, che il Decreto Rilancio nella sua stesura finale e definitiva non ha sospeso questo indennizzo per il lavoratore disoccupato ed ha confermato in toto la normativa relativa a questa misura.

Alcune fonti giornalistiche stanno iniziando a pubblicare i nomi di alcune città italiane in cui sta già avvenendo il pagamento della Naspi di luglio: tra queste Sassari e Chieti. In altre località invece l’assegno di disoccupazione è arrivato nei giorni precedenti (giorno 8 e 9 luglio) come per esempio a Napoli o a Taranto.

Come controllare l’iter della pratica Naspi

Per potere avere contezza circa l’iter della pratica e conoscere la data di accredito della Naspi di luglio, l’utente dovrà accedere alla propria area personale del sito dell’INPS (mediante il proprio PIN e il codice fiscale, SPID, CNS o Carta d’identità elettronica) e recarsi sul servizio specifico messo a disposizione dell’Ente di previdenza. In questo modo sarà possibile controllare lo stato di pagamento e la data di accredito del relativo assegno di disoccupazione.