Formazione continua del personale docente e ATA, Azzolina: “A breve linee guida Didattica Digitale Integrata”

Risale allo scorso 1 luglio l’intervento in Senato della ministra Lucia Azzolina riguardante la formazione continua del personale scolastico a proposito della didattica digitale integrata. Si tratta, così come specifica la ministra, di una serie di iniziative e di interventi rivolti a formare tutto il personale docente e ATA su questo aspetto, in vista del rientro a scuola a settembre nonostante continui l’emergenza da Covid-19.

Non si parla dunque di Dad ma di DDI, ovvero di una didattica digitale che integrerà quella tradizionale senza per questo sostituirla in toto, così com’è stato in questi ultimi mesi.

Loading...

Formazione continua del personale: non solo dad ma l’argomento riguarderà la didattica digitale integrata, in corso di definizione le linee guida

Le novità che riguarderanno la formazione continua del personale a proposito di didattica a distanza, spiega la Azzolina, saranno ampiamente illustrate da un documento ufficiale che conterrà le linee guida su questo complesso e variegato argomento. In particolare, la tematica avrà come oggetto la didattica digitale integrata, definita così dalla stessa ministra, proprio per distinguerla dalla semplice didattica a distanza che ‘quasi’ tutti gli insegnanti hanno conosciuto in questi ultimi mesi.

La differenza è sottile, ma il passaggio lascia trapelare ampi scenari futuri, come per esempio la possibilità di integrare alla didattica tradizionale in ‘presenza‘ una parte di didattica digitale come compendio generale alla formazione degli apprendimenti e dei contenuti agli studenti. Resta inteso che tutto questo viene fuori adesso, dopo la situazione emergenziale che la scuola tuttora sta vivendo.

Bisogna sottolineare inoltre come molte associazioni di docenti oltre che molti sindacati di categoria rivendicano un aumento degli stipendi del personale coinvolto. Non basterà dunque stilare un elenco di prescrizioni per l’inizio di una nuova modalità di insegnamento, ma occorrerà anche regolamentare i compensi economici degli stessi, in funzione dell’aggravio delle loro mansioni/prestazioni.

Presto le linee guida sulla didattica digitale integrata (DDI): le dichiarazioni della ministra

Ma ritorniamo alle dichiarazioni della ministra sull’argomento. Durante il suo intervento a Palazzo Madama la prima inquilina del dicastero di Viale Trastevere precisa: “Sono in corso di definizione le linee guida per l’utilizzo della didattica digitale integrata, proprio perché sia chiara la sua funzione di integrare, e non di sostituire, il percorso di apprendimento quale ulteriore strumento metodologico in via ordinaria e straordinaria”.

In poche parole, la didattica digitale pensata a partire dal prossimo anno scolastico dovrà coesistere con la didattica tradizionale. In tal senso la Azzolina continua: “Per tali ragioni, a questa attività si accompagneranno nelle prossime settimane spazi di formazione del personale scolastico sulle tematiche digitali e sul rientro in sicurezza”.