Supplenze scuola
Supplenze sostegno 2020/21 da graduatorie incrociate: novità nell'attribuzione dei posti

Novità in arrivo per quanto riguarda il conferimento delle supplenze per l’anno scolastico 2020/2021: l’Ordinanza Ministeriale pubblicata nelle scorse ore sancisce, infatti, l’introduzione delle nuove Graduatorie Provinciali per le Supplenze e le Graduatorie di Istituto. Di fatto, cosa cambierà da settembre nella procedura di assegnazione delle supplenze? Vediamo in dettaglio.

Graduatorie provinciali per le supplenze articolate in due fasce: come funzioneranno?

Le Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS) serviranno all’assegnazione delle supplenze fino al termine delle attività didattiche, vale a dire sino al 30 giugno e per quelle sino al termine dell’anno scolastico, ovvero fino al 31 agosto, in subordine alle graduatorie ad esaurimento.
Le nuove GPS saranno articolate in due fasce: la prima riguarderà i docenti in possesso di titolo di abilitazione, nella seconda, invece, saranno inseriti i docenti non abilitati ma in possesso del titolo di studio idoneo a insegnare la classe di concorso.
Le Graduatorie Provinciali avranno validità biennale, quindi per gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022. L’aspirante supplente, in fase di inserimento nelle nuove Graduatorie Provinciali per le supplenze, potrà scegliere una sola provincia. 

Graduatorie di Istituto 

Per le supplenze brevi e temporanee, i dirigenti scolastici continueranno a fare riferimento alle graduatorie d’istituto. I docenti inseriti nelle graduatorie provinciali dovranno scegliere sino ad un massimo di 20 istituzioni scolastiche della provincia nella quale hanno presentato domanda di inserimento per ciascun posto comune, classe di concorso, posto di sostegno cui hanno titolo. Mediante questa procedura, si potranno costituire le nuove graduatorie di istituto. Rispetto al passato, una delle novità è rappresentata dal fatto che gli insegnanti di infanzia e primaria potranno scegliere 20 istituzioni scolastiche e non più 10.
Dunque, l’introduzione delle Graduatorie Provinciali non determinerà la ‘sparizione’ di quelle di istituto: quest’ultime saranno utilizzate soltanto per le supplenze brevi e temporanee assegnate dai Dirigenti Scolastici. Le graduatorie di istituto continueranno ad essere articolate in tre fasce.
La prima fascia riguarderà i docenti abilitati che sono contestualmente inseriti anche nelle GAE.
La seconda fascia includerà gli aspiranti presenti nelle Graduatorie Provinciali di prima fascia che presentano il modello di scelta delle sedi per la suddetta fascia contestualmente alla domanda di inserimento nelle GPS.
La terza fascia conterrà gli aspiranti presenti nelle Graduatorie Provinciali per le Supplenze di seconda fascia che presentano il modello di scelta delle sedi per la suddetta fascia contestualmente alla domanda di inserimento nelle GPS.