Riapertura scuola, Santanché 'umilia' Azzolina: 'Unico pregio essere una donna ma è un'incapace'
Riapertura scuola, Santanché 'umilia' Azzolina: 'Unico pregio essere una donna ma è un'incapace'

La ministra Azzolina finisce, ancora una volta, nel mirino della critica in merito alle recenti dichiarazioni rilasciate al portale ‘Huffington Post‘: la responsabile dell’Istruzione in Italia si è lasciata andare a un duro sfogo in relazione agli attacchi subìti per la questione ‘riapertura scuole’.

Azzolina: ‘Sono donna, ministro M5S, giovane e mi danno dell’incompetente’

‘Sono donna, sono un ministro Cinque stelle, sono giovane, c’è l’idea che noi M5s siamo incompetenti, anche se io ho due lauree, l’abilitazione all’insegnamento, specializzazioni. Adesso, anche basta’, aveva stigmatizzato la ministra, cogliendo l’occasione, poi, per sfidare il leader della Lega, Matteo Salvini in un confronto politico in TV. Anche l’ex ministra dell’Istruzione, Mariastella Gelmini non ha risparmiato le critiche nei suoi confronti e, nelle ultime ore, al coro di oppositori si è aggiunta la senatrice di Fratelli d’Italia, Daniela Santanché.

Loading...

Daniela Santanché risponde a Lucia Azzolina: ”L’unico pregio che ha l’Azzolina è essere donna, per il resto è un’incapace’

‘Essere donna è l’unico pregio che ha la Azzolina – ha risposto la Santanché – Per il resto è un’incapace: ogni volta che parla, spara solo supercazzole. La piantasse allora di tirare in ballo la questione femminile: così fa un danno alle altre donne, le fa sembrare tutte incapaci, tirandole verso il basso, al suo livello. Vorrei ricordare poi che, tra le donne in politica, ci sono state e ci sono figure eccellenti come la Thatcher o la Merkel. Nessuna di loro, guarda caso, ha mai detto di essere attaccata perché donna”.

Santanché: ‘Moratti e Gelmini? Sono due giganti in confronto all’Azzolina’

In un’intervista rilasciata al quotidiano ‘Libero’, la senatrice del partito di Giorgia Meloni interviene a gamba tesa su Lucia Azzolina: ‘Lei è una donna, lei è la Santa, e mal tollera chi usa il genere femminile come scudo per legittimare le proprie inettitudini politiche. La Moratti e la Gelmini? In confronto a lei, sono due giganti. Non ho mai sentito la Moratti lamentarsi per attacchi di genere. La Azzolina la smetta di trincerarsi dietro la questione femminile per far dimenticare i suoi errori e pensi piuttosto a non distruggere la scuola‘.