L'incoerenza del Governo, tra insegnanti licenziabili e blocco licenziamenti privati

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha postato un messaggio sul proprio profilo Facebook, all’interno del quale ha voluto, ancora una volta, difendersi dalle polemiche e dalle critiche che l’hanno investita nelle ultime settimane a proposito della riapertura delle scuole a settembre. La ministra ha ribadito come la scuola riaprirà il 14 settembre e come le risorse (importanti) ci siano: Lucia Azzolina ha invitato tutti a smorzare il tono delle polemiche e a smetterla con il pessimismo cronico.

Rientro a scuola, Lucia Azzolina su Facebook: ‘Basta polemiche e pessimismo cronico, la scuola riapre il 14 settembre’

‘Sono stata in Piemonte, a Torino, per lavorare con il Tavolo regionale alla riapertura di settembre, insieme agli Enti locali e ai rappresentanti di tutto il mondo della scuola – scrive la ministra Azzolina – Il #CantiereScuola ha un obiettivo che non cambia: il 14 settembre la scuola riapre e riapre per tutti. Gli organici e le risorse ci sono. È stato approvato il decreto Rilancio con 1,6 miliardi per la scuola e un altro miliardo è in arrivo. Voglio rassicurare non solo le famiglie e gli studenti ma anche tutto il personale scolastico.’
‘La data è chiara da tempo – sottolinea la ministra ribadendo che ‘le risorse ci sono e sono importanti. Le linee guida sono chiare e sono state inviate da tempo. Basta polemiche e pessimismo cronico dunque.’

Loading...

Riapertura scuola, Azzolina: ‘È una sfida che si vince o si perde tutti insieme’

Lucia Azzolina pone l’accento sul fatto che la riapertura della scuola non coinvolge soltanto il ministero dell’Istruzione ma l’intera comunità educante e tutto il Paese. E’ bene ricordarlo sempre: ‘La riapertura – scrive l’esponente del Movimento 5 Stelle – è una sfida che o si vince tutti insieme o si perde tutti insieme. Dunque ognuno deve fare la propria parte. Mi riferisco anche a chi, purtroppo fa assembramenti come quelli che molti di noi hanno visto in questi giorni.
Non è il momento di abbassare la guardia – conclude così il suo messaggio la titolare del dicastero di Viale Trastevere – Dobbiamo essere assolutamente prudenti: più prudenza abbiamo oggi, più liberi saremo domani.’