Riapertura scuole, Vaia (Spallanzani): 'Scuola e trasporti mi terrorizzano'
Riapertura scuole, Vaia (Spallanzani): 'Scuola e trasporti mi terrorizzano'

Riapertura scuole a settembre, come cambieranno gli orari scolastici e quali sono le novità in arrivo? I sindacati hanno pubblicato alcuni esempi riguardanti la scuola d’infanzia, primaria, secondaria di primo grado e secondo grado. Occorre tenere presente che si tratta di linee guida e, pertanto, ogni scuola potrà decidere in autonomia quali misure particolari adottare.

Riapertura scuole a settembre, novità in arrivo per l’orario scolastico

Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, prima dell’emergenza Covid, l’orario settimanale era di 40 ore (8 ore quotidiane per 5 giorni alla settimana): con le nuove linee guida si parla di moduli da 40 minuti con 37,5 moduli ogni docente (25 ore). Gli ingressi dovrebbero essere scaglionati dalle 7,30 alle 9 anche se le decisioni in merito potranno essere prese insieme ai genitori. 

Loading...

Infanzia, primaria, secondaria di I e II grado

Per la scuola primaria, invece, si rischia il tempo pieno. Infatti, le linee guida indicano orari da 40 minuti con 33 moduli per docenti. Per quanto concerne gli ingressi, si sta pensando a orari scaglionati (le prime alle 8:10, le seconde alle 8:15, le terze alle 8:20, le quarte alle 8:25 e le quinte alle 8:30).In merito alle scuole medie inferiori, si consiglia una durata delle lezioni pari a 45 minuti (6 ore per cinque giorni oppure 5 ore per sei giorni) con 24 moduli ogni docente. Per ogni classe residuano 10 moduli da 45 minuti utilizzabili con attività trasversale. Infine, per ciò che concerne la scuola secondaria di secondo grado, sono in arrivo importanti novità. Si sta pensando, infatti, a 42 moduli di 40 minuti più 12 pause di 10 minuti su sei giorni. Le classi dovrebbero essere divise in due gruppi con entrate scaglionate. Gli alunni che entreranno a scuola più tardi, usciranno dopo: possibili lezioni il sabato come la didattica a distanza dove non si riesce a garantire il regolare svolgimento dell’anno scolastico.