GPS scuola 2020/1, ultime ore per le domande poi sarà caccia alle supplenze
GPS scuola 2020/1, ultime ore per le domande poi sarà caccia alle supplenze

Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato la Nota N. 1290 all’interno della quale ha chiarito alcuni aspetti in relazione alla valutazione dei servizi nella domanda per le nuove Graduatorie Provinciali per le Supplenze e le Graduatorie di Istituto 2020

Domanda Graduatorie Provinciali per le Supplenze 2020: la casistica riguardante il servizio svolto ‘senza titolo’

Dopo aver parlato della valutazione del servizio svolto in contemporanea con la frequenza dei percorsi di abilitazione, ci soffermiamo su un altro aspetto rilevante, quello riguardante la valutazione del servizio ‘senza titolo’, ovvero quando il soggetto in questione ha svolto servizio senza possedere il prescritto titolo per insegnare una certa CDC/tipologia di posto.
È il caso di quei docenti che hanno insegnato alcune CDC in possesso del titolo di studio ma in mancanza degli esami/CFU richiesti per insegnare quella determinata classe di concorso. Oppure quei docenti laureati in Scienze Pedagogiche o in Giurisprudenza che hanno svolto servizio ‘senza titolo’ nella scuola dell’infanzia o primaria (ovvero senza laurea in SFP o diploma magistrale ante 2001/2002).

Loading...

Cosa dice la Nota N. 1290 sulla valutazione dei titoli ai fini della presentazione della domanda per le GPS

In merito alle nuove Graduatorie Provinciali per le Supplenze e le Graduatorie di Istituto, le nuove tabelle valutazione titoli allegate all’Ordinanza Ministeriale N. 60 non prevedono più la valutazione delle altre attività di insegnamento (comprendenti anche il servizio ‘senza titolo’). Anche la suddetta Nota N. 1290 ha confermato la non valutabilità degli ‘altri servizi di insegnamento’, precisando tuttavia che ‘il servizio prestato nel corso degli anni senza titolo di studio di accesso è valido ai fini della valutazione del servizio se e solo se il suddetto titolo di accesso è in possesso dell’aspirante al momento di presentazione della domanda’.
Pertanto, il servizio senza titolo sarà valutabile dal soggetto solo a condizione che l’aspirante supplente possieda il titolo di accesso alla CDC che ha insegnato senza titolo al momento della presentazione della domanda di partecipazione alle graduatorie.
In questo caso, il servizio sarà valutato come “specifico” sulla CDC in cui è stato prestato (12 punti per anno) e come aspecifico sulle altre classi di concorso/tipologie di posto (6 punti).
Il servizio senza titolo, invece, non sarà valutabile se il soggetto non si trova ancora in possesso del titolo di studio che consente di insegnare la CDC in questione.
La tabella titoli III fascia previgente, invece, prevedeva che i servizi di insegnamento eventualmente resi senza il possesso del prescritto titolo di studio (nei casi di impossibilità di reperimento di personale idoneo) fossero valutabili come altre attività di insegnamento. Tali attività potevano essere valutate per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni: punti 0,50 (fino a un massimo di punti 3 per ciascun anno scolastico).
L’unica eccezione alla nuova normativa riguarda la Graduatorie Provinciale per la Supplenza di II fascia infanzia e primaria: il servizio prestato su posto comune o di sostegno (senza titolo di abilitazione) dagli studenti SFP è valutabile per la relativa graduatoria, come specifico e aspecifico a seconda del grado, esclusivamente per le relative graduatorie di infanzia e primaria.