Scuola, Nota Ministero Istruzione su procedura immissioni in ruolo docenti 2020/1

Riapertura delle scuole, mancano solamente 48 giorni alla data fatidica dell’avvio dell’anno scolastico ma non mancano le incertezze in merito alle regole da seguire per fronteggiare il pericolo ‘contagio Covid-19‘. Il Ministero dell’Istruzione e i sindacati hanno messo a punto la bozza del Protocollo di Sicurezza. Vediamo in sintesi, quali sono i punti principali del documento.

Ingressi scaglionati

Le classi entreranno scaglionate, con un intervallo variabile dai 10 ai 30 minuti, per evitare assembramenti. Probabilmente ci saranno dei controlli all’ingresso, con collaboratori scolastici incaricati di sorvegliare l’accesso e di misurare la febbre al personale. L’ingresso scaglionato sarà marcato per le scuole superiori, per evitare l’affollamento dei mezzi pubblici nelle ore di punta: i ragazzi delle superiori, probabilmente, dovranno affrontare doppi turni o una didattica mista, in presenza/a distanza.

Loading...

Come si starà in classe

La distanza tra gli studenti dovrà essere di un metro ‘da bocca a bocca’: tutte le scuole si stanno organizzando con banchi monoposto, non necessariamente quelli ‘futuristici’ ma anche con quelli tradizionali. Al banco non si dovrà tenere la mascherina, anche se gli esperti del Comitato Tecnico Scientifico si esprimeranno definitivamente a fine agosto, sulla base degli ultimi dati sui contagi.

Servizi igienici

locali dovranno essere puliti frequentemente dal personale scolastico, con particolare attenzione al ricambio dell’aria: anche se gli ingressi di persone esterne dovranno essere limitati, dovranno essere predisposti bagni ad hoc (come ad esempio per i genitori ai colloqui). Indispensabili i gel disinfettanti, messi a disposizione con dispenser. Nei corridoi ci saranno indicazioni chiare per l’andata e il rientro dai vari spazi: frecce, cartelli e richiami alle regole di igienizzazione e rispetto delle distanze anti Covid. Al bagno potrà andare solo uno studente alla volta, con la mascherina.

Sale mensa

Per quanto riguarda le mense, molti dirigenti scolastici stanno decidendo di non aprire le sale mensa e di lasciare che i bambini consumino il pasto in aula.

Positività al Covid

Prima dell’inizio delle lezioni verranno effettuati a tutto il personale test sierologici volontari e gratuiti, che verranno ripetuti periodicamente. Se un docente o uno studente dovessero manifestare sintomi importanti, verrà allertata l’Asl e si attiverà il presidio medico del territorio. Una circolare del ministero della Salute stabilirà come muoversi in caso di soggetti ‘positivi’. Il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, Agostino Miozzo, aveva proposto di mettere in isolamento fiduciario la classe per 15 giorni. In questo caso si riprenderà la didattica a distanza.

Aumento organici docenti e ATA

Secondo le stime, servono altri 85 mila insegnanti e 21 mila collaboratori: il ministero sta preparando un’ordinanza sull’organico aggiuntivo che sarà dato alle scuole.