Riapertura delle scuole, Guerra (OMS): “Rischioso ritornare in classe con questo aumento dei contagi”

Date:

Sul Corriere della Sera di ieri, Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’OMS del distaccamento italiano, rilascia delle dichiarazioni preoccupanti in merito alla riapertura delle scuole a settembre: “Siamo in una fase di lenta crescita dei casi. La curva sale, lentamente ma in modo costante. E può bastare poco per ripiombare nell’emergenza”.

Le preoccupazioni dell’OMS sulla riapertura delle scuole: “Troppi piccoli focolai tengono alta la circolazione del virus

La preoccupazione di Ranieri Guerra è palese e merita da parte del governo italiano una riflessione attenta e scrupolosa. Il direttore aggiunto dell’Oms si dice preoccupato circa il trend tutto il salita della curva dei contagi da Coronavirus. Tutto il personale scolastico è in ansia per un rientro a settembre senza le dovute condizioni di sicurezza.

Le discordanti versioni di questi giorni tra la Ministra Azzolina e il Comitato Tecnico Scientifico a proposito del distanziamento in classe hanno lasciato tutti perplessi, dai Dirigenti Scolastici fino ai collaboratori scolastici. In tutto questo ‘disordine’ di informazioni anche i docenti si dicono preoccupati. Le opinioni e i commenti sui social circa la pericolosità della presenza a scuola crescono di giorno in giorno. Il rischio di un ritorno in classe a settembre sembra più evidente ogni ora che passa. Non è allarmismo sicuramente, ma chi deve svolgere un lavoro deve farlo in sicurezza… questo è il punto.

Prosegue Guerra: “Il rischio è arrivare a ridosso della riapertura delle scuole con un numero di casi che la renderebbero pericolosissima. Perché è matematico che la curva col ritorno in aula salirebbe ancora. Allora o azioniamo il freno o andiamo a sbattere. L’Italia per incidenza di nuovi casi è ancora in coda rispetto ai grandi Paesi europei. Guardiamo cosa succede in Francia e Spagna. Però rispetto a qualche settimana fa il nostro Paese mostra una sequenza di tanti, troppi piccoli focolai che tengono alta la circolazione del virus”.

E poi conclude: “Sembra che la gente non abbia compreso quanto siamo in pericolo – osserva Guerra – è adesso che dobbiamo agire, dopo potrebbe essere troppo tardi. Ci vuole un battito d’ali per rientrare nella criticità. Man mano che i casi di nuovi positivi si accumulano i tempi di moltiplicazione dei contagi si accorciano. Faremmo ancora in tempo a tornare indietro, a cambiare marcia. Invece si vedono movide, affollamenti in spiaggia, giovani che tornano infetti dalle vacanze e spesso diffondono il contagio in famiglia. No, no va per niente bene”.

Scuolainforma
Scuolainformahttps://www.scuolainforma.it
Scuolainforma è un blog di informazione per il mondo della scuola. La maggior parte dei suoi autori opera del settore della pubblica istruzione.

Share post:

Newsletter

Ultime Notizie

Potrebbe interessarti
Potrebbe interessarti

Roma, lite tra studentesse in un liceo della Capitale: intervengono i Carabinieri

Un incidente turbolento si è verificato in un istituto...

Concorsi Docenti 2024, prova orale: elenco avvisi USR estrazione lettera [in aggiornamento]

Concorsi Docenti 2024 - Il processo selettivo per i...

Stipendi NoiPA Aprile 2024: qualcosa non torna, cedolini ridotti di circa 100 euro

In Aprile 2024, alcuni dipendenti pubblici potrebbero notare una...