NoiPa, tredicesima docenti e ATA: a chi spetta e calcolo importo
NoiPa, tredicesima docenti e ATA: a chi spetta e calcolo importo

Il portale della Pubblica Amministrazione NoiPa ha pubblicato un avviso riguardante le modalità d’accesso a tutti i servizi pubblici online.
Si fa riferimento al Decreto pubblicato lo scorso 16 luglio in Gazzetta Ufficiale, nel quale si intende favorire la diffusione di servizi pubblici in rete e semplificarne l’accesso da parte di cittadini e imprese.
L’obiettivo è quello di produrre una forte accelerazione nel processo di trasformazione digitale del Paese.

Entro il 28 febbraio 2021, infatti, tutti i servizi digitali delle Pubblica Amministrazione dovranno essere fruibili esclusivamente tramite l’identità digitale SPID o la Carta d’identità elettronica. Entro la stessa data gli uffici pubblici devono avviare il processo di trasformazione per consentire che i servizi digitali siano fruibili dal telefono cellulare attraverso l’applicazione “IO”, il canale unico di accesso a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione.
Vediamo nel dettaglio i punti più rilevanti per la PA e per i cittadini.

Solo SPID o Carte d’identità elettronica per accedere a tutti i servizi pubblici online

Entro il 28 febbraio 2021 tutti gli Enti pubblici e la Pubblica Amministrazione dovranno dismettere i propri sistemi di identificazione online e adottare esclusivamente l’identità digitale SPID e CIE (la Carta d’identità elettronica) per consentire ai cittadini di accedere ai servizi digitali. Resta ferma la possibilità di utilizzare credenziali diverse fino alla data di naturale scadenza e comunque non oltre il 30 settembre 2021.

Questa misura semplifica la fruizione dei servizi da parte dei cittadini e consente a Enti pubblici e amministrazioni di conseguire risparmi in quanto non dovranno più farsi carico di gestire i sistemi di rilascio e gestione delle identità dei rispettivi utenti.

Piattaforma digitale per la notifica degli atti della PA

Il decreto prevede anche l’avvio della piattaforma digitale unica per le notifiche di atti e provvedimenti della PA a cittadini e imprese. La raccomandata cartacea viene sostituita da una comunicazione digitale, con conseguente semplificazione per l’attività dell’amministrazione e risparmio di tempo per i cittadini che potranno avere la disponibilità dell’atto sul cellulare.

Resta confermata, per i cittadini che non posseggono un domicilio digitale, la procedura di recapito attraverso posta ordinaria.

Verso il cloud nazionale

Il decreto prevede disposizioni volte a favorire la realizzazione di un cloud nazionale per tutelare l’autonomia tecnologica del Paese, mettere in sicurezza le infrastrutture digitali della Pubblica Amministrazione, garantire la qualità e la sicurezza dei dati e dei servizi digitali. Sfruttando economie di scala in termini di concentrazione della domanda di risorse e di infrastrutture, è possibile disporre di infrastrutture affidabili e sicure.

Viene introdotto l’obbligo per le pubbliche amministrazioni centrali di migrare i rispettivi Centri elaborazione dati (Ced), che non abbiano i requisiti di sicurezza fissati dall’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), verso un’infrastruttura ad alta affidabilità, localizzata in Italia, il cui sviluppo è promosso dalla Presidenza del Consiglio. In alternativa le amministrazioni centrali possono far migrare i loro servizi verso soluzioni cloud per la Pubblica Amministrazione che rispettino i requisiti stabiliti dall’Agid. Lo stesso obbligo viene previsto per le amministrazioni locali che sono tenute a trasferire i propri servizi nella infrastruttura promossa dalla Presidenza del Consiglio o in altra infrastruttura presente sul territorio e in possesso dei requisiti di sicurezza previsti.

In alternativa le amministrazioni locali, come quelle centrali, possono trasferire i propri servizi digitali verso soluzioni cloud per la Pubblica Amministrazione, nel rispetto dei requisiti fissati dall’Agid.