Covid19, coinvolte oltre 1000 scuole: a Roma la situazione è già 'fuori controllo'
Covid19, coinvolte oltre 1000 scuole: a Roma la situazione è già 'fuori controllo'

Coronavirus o meno, il rientro a scuola, fissato per il 14 settembre, sembra essere oramai sicuro. Vista la situazione alquanto critica, è bene sensibilizzare gli adulti, in maniera tale che i propri figli possano iniziare l’anno scolastico nella maniera quanto più sicura possibile.

Non si pretende di fornire indicazioni medico-sanitarie, non certo di nostra competenze, ma solamente alcune piccole precauzioni quotidiane tratte dalla circolare che gli istituti del Veneto hanno realizzato con “spiegazioni semplici e chiare, ma anche attraverso esempi coerenti“.

Loading...

Rientro a scuola: misurare sempre la temperatura

Sarebbe opportuno controllare ogni giorno possibili segni di malessere da parte dei nostri figli. Nel caso in cui un bambino risulti avere una temperatura corporea superiore a 37,5 gradi non potrà andare a scuola. Sarà bene, inoltre, assicurarsi che non mostri ulteriori segni allarmanti come mal di gola, mal di testa o diarrea.

Loading...

Cosa fare se un bambino ha avuto contatti con un positivo?

Nel caso in cui nostro figlio sia entrato in contatto con un caso positivo al coronavirus, non potrà andare a scuola. In tale situazione sarà bene seguire, in maniera scrupolosa, tutte le indicazioni riguardanti la quarantena. A casa, inoltre, bisognerebbe sempre praticare le corrette tecniche di lavaggio delle mani prima e dopo aver mangiato e dopo aver tossito o starnutito. Dopo la detersione sarà possibile indossare la mascherina.

Come utilizzare le bottigliette d’acqua a scuola

A meno che non ci pensi già l’istituto, è consigliabile far portare ai nostri bambini una bottiglietta d’acqua identificabile con nome e cognome. Anche nel caso in cui un alunno ne comprasse una al distributore, farebbe bene a imprimere su di essa il proprio nominativo, tramite pennarello indelebile o un’etichetta.

Cosa mettere nello zaino

Cerchiamo sempre di essere organizzati e scegliere minuziosamente cosa mettere nello zaino dei nostri figli, come disinfettante per le mani (amuchina ad esempio) e una mascherina di ricambio. È consigliabile, inoltre, praticare delle gestualità di rito quando si torna a casa: in primis, il lavaggio delle mani e riporre opportunamente la mascherina, a seconda se sia monouso o lavabile.