Assunzioni 2020, allarme CNDA:
Assunzioni 2020, allarme CNDA: "gli USR non seguono regole 'uniformi' per le procedure di immissioni"

Riceviamo con preghiera di pubblicazione il seguente comunicato stampa del CNDA sulle diverse procedure seguite da parte degli USR per le fasi di immissione in ruolo 2020.

C.N.D.A Coordinamento Nazionale Docenti Abilitati: “Assunzioni 2020, non una cattedra in meno!”

Riguardo le assunzioni in ruolo 2020,molti colleghi, riportano notizie poco rassicuranti sull’operato degli U. S. R. in alcune regioni, le potrete leggere sulla pagina facebook del Coordinamento C.N.D.A., al seguente link: https://m.facebook.com/groups/1337846466269456?view=permalink&id=3251562428231174

Loading...

Chiediamo a riguardo chiarimenti agli Uffici competenti sulle motivazioni a seguito delle quali diversi Uffici scolastici stiano seguendo un indirizzo non uniforme nelle immissioni in ruolo, maturando l’orientamento a non procedere ad un’ulteriore convocazione, oltre la prima, rivelatasi in tantissimi casi non sufficiente a completare i numeri programmati per i conferimenti delle cattedre.

Infatti si apprende, tra gli altri, in particolare, il caso della GM 2018 ADSS – Puglia, dove sono residuate, una ventina e più di cattedre non assegnate, senza che ad oggi si sia manifestata l’indicazione di convocare gli ulteriori graduati al fine di completare il programma di assunzioni.

Difatti, ad oggi rimangono senza assegnazione n. 21 cattedre, a fronte delle n. 66 nomine annunciate dall’USR Puglia da detta graduatoria, già finanziate dal MEF. Il nominato Ufficio non ha ad oggi convocato tutti i candidati ancora presenti in graduatoria, avendo convocato i primi 100 graduati ed omettendo di interpellare tutti i successivi, pari ad ulteriori 150 nominativi, con il risultato di non riuscire ad esaurire il numero di nomine stabilite.

Desta perciò comprensibile timore che in questo caso come negli altri riferiti dai colleghi di varie parti d’Italia, non si sia ancora proceduto a determinare lo scorrimento delle graduatorie, così com’è stabilito nella circolare ministeriale sulle nomine 23825 del 07.08.2020

Tanto più che in questo quadro di precarietà si vanno a sovrapporre le difficoltà procurate dai serrati adempimenti previsti per l’ordinato avvio dell’anno scolastico e le particolari novità determinate dalle misure di contrasto alla pandemia da Covid-19 che procurano incertezza sugli esiti attesi della questione.

Ci auguriamo che tali preoccupazioni si rivelino infondate e che gli Uffici scolastici interessati scongiurino la possibilità che un numero elevato di docenti in predicato di conseguire il ruolo già quest’anno, corrano invece il rischio di essere consegnati ad altri anni di precariato.

Fatto che nel caso descritto, trattandosi di cattedre di docenti specializzati sul sostegno, renderebbe un danno più grave, riflettendosi sulla qualità complessiva dell’offerta educativa in favore della categoria più fragile di allievi.

Attendiamo pertanto che dagli USR competenti giungano le opportune risposte atte a riportare serenità ai colleghi interessati ed ad assicurare il completamento degli organici stabiliti per l’A.S. 2020/2021.

Cordialmente