Referente Covid, nota Miur/ISS: al via i corsi di formazione, requisiti e modalità
Referente Covid, nota Miur/ISS: al via i corsi di formazione, requisiti e modalità

Partono da oggi i corsi di formazione per il referente Covid. Questa nuova figura sarà presente all’interno di ogni scuola per contrastare la diffusione dei focolai da Coronavirus. Ad annunciarlo sono stati oggi, attraverso una nota congiunta, il Ministero dell’Istruzione e l’Istituto Superiore di Sanità.

Partono i corsi di formazione per il referente Covid: le modalità di svolgimento

La notizia dell’istituzione dei corsi di formazione per i nuovi referenti Covid è stata resa nota questo pomeriggio mediante un comunicato congiunto dalll’ISS e il Miur. La nuova figura professionale sarà determinante dopo la riapertura delle sedi scolastiche, dopo che le stesse sono state chiuse per oltre 6 mesi.

Loading...

Si tratta di una nuova collaborazione, quella tra l’ISS e il Ministero dell’Istruzione, non certo inedita ma che ha come principio ispiratore quello di rendere più fluido possibile il percorso formativo indirizzato esclusivamente al mondo della scuola. La partnership nasce anche con l’intento di formare nuove figure professionali che dovranno per forza di cose interloquire con il mondo della sanità, gestendo eventuali casi di focolai all’interno delle strutture scolastiche in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico.

Loading...

Il percorso formativo si svolgerà esclusivamente online. Lo scopo del corso sarà quello di fornire ai referenti Covid un supporto operativo e procedurale nel momento in cui essi stessi saranno chiamati a prendere delle decisioni importanti insieme agli operatori scolastici e gli addetti dei vari Dipartimenti di Prevenzione.

Corsi di formazione referente Covid: tutte le informazioni sulle iscrizioni e sui contenuti

I corsi di formazione in questione, offerti dall’ISS e dal Miur, sono attualmente due ed entrambi gratuiti. Per potersi iscrivere bisognerà farlo attraverso la piattaforma EDUISS (https://www.eduiss.it/). I posti disponibili allo stato attuale sono 70.000, ma all’occorrenza questo numero potrà essere esteso in base al numero delle richieste.

  1. Il primo corso è rivolto al personale scolastico ed educativo. Una volta ultimato il percorso formativo i partecipanti dovranno effettuare un test finale (con risposte a scelta multipla) che, una volta superato, permetterà loro di ottenere un attestato ufficiale di referente Covid.
  2. Il secondo corso di formazione invece si rivolge ai professionisti sanitari, ovvero al personale dei Dipartimenti di Prevenzione (DdP), con l’incarico di assolvere alla funzione di referente COVID per gli ambiti scolastici. Per partecipare a questo bando i corsisti dovranno possedere alcuni requisiti, in particolare: “Medici di Medicina Generale (MMG), i Pediatri di Libera Scelta (PLS) nonché i componenti delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA) che desiderano essere formati sulle indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia, considerato il loro ruolo strategico nei percorsi diagnostico-assistenziali”, così riporta fedelmente il contenuto del bando dell’Istituto Superiore di Sanità.