Avvio anno scolastico, migliaia di Prof chiedono l’esonero: oltre 50mila posti scoperti
Avvio anno scolastico, migliaia di Prof chiedono l’esonero: oltre 50mila posti scoperti

Avvio anno scolastico in salita – Una situazione grave quella della mancanza del personale (docente e ATA) in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico. La ripartenza della macchina scolastica, dopo oltre sei mesi di lockdown, vanterà il record dei problemi e delle incertezze, più degli altri anni.

Avvio anno scolastico in saluta: il ‘buco’ degli organici tappato da oltre 50mila precari

Il problema maggiore infatti sarà rappresentato dalla mancanza degli organici sin dai primi giorni di scuola, una spada di Damocle questa che metterà in discussione il lavoro di questi mesi del governo e della ministra Azzolina. Tanto più che a breve queste criticità, ipotizzate con numeri alla mano dai sindacati di categoria, non saranno solo illazioni o proiezioni, ma si cristallizzeranno davanti alle tante famiglie desiderose di vedere i propri figli ritornare tra i banchi di scuola.

Loading...

Le grandi falle che il sistema scuola si porterà con sé a partire dalla metà settembre porranno le basi per i malumori e le contestazioni. Da un lato gli oppositori politici del governo Conte ne trarranno benefici in termini di consensi, dall’altro le nuove procedure messe in campo dalla ministra Lucia Azzolina proprio per scongiurare la ‘Supplentite’ si dimostreranno alquanto inconcludenti e forse poco efficaci, determinando di contro un aumento esponenziale di questa patologia.

Il primo giorno di scuola, nella maggior parte dei casi, è stato dedicato agli impegni collegiali. Nella maggioranza delle scuole si sono svolti i Collegi dei Docenti, sia in presenza che online. Il primo settembre è coinciso anche con l’inizio dei corsi di recupero didattico, per quegli alunni che nonostante siano stati promossi alla classe successiva hanno dimostrato di possedere gravi carenze nelle diverse discipline. Non solo, ma sono iniziati anche i corsi di formazione online per i referenti Covid, così come annunciato in un altro nostro articolo.

Le prime grane in alcune Regioni d’Italia

In questo contesto, molte Regioni hanno fatto registrare le prime grane. In Veneto e nel Lazio per esempio l’inizio per la scuola dell’infanzia ha fatto registrare delle defezioni, tanto che i quotidiani locali parlano di falsa partenza, visto che i ‘nidi’ che hanno deciso di riaprire sono stati un su tre. La stessa cosa è successa nella Capitale, dove il caos regna sovrano. In questo caso i sindacati denunciano la mancanza delle indicazioni dei percorsi e persino le aule per le scolaresche.

Ma le grane per il Ministero dell’Istruzione arrivano dalla mancanza del personale. Oltre alla carestia dovuta alla mancanza del personale presente nelle graduatorie, il trend in salita arriva proprio dal personale in ruolo che – secondo l’allarme lanciato in queste settimane dai sindacati – cresce di giorno in giorno per via delle richieste di massa di esonero dalle attività in presenza in quanto rientranti nell’oramai famoso organico con ‘fragilità’.

Una situazione drammatica, come riporta in prima pagina il Corriere della Sera in un articolo comparso questa mattina che mette in luce tutte le criticità della scuola italiana ai tempi del Covid.

Troppi posti scoperti, il grido d’allarme della CISL Scuola: “Resteranno vuote almeno 50 mila cattedre”

In Campania mancherebbero oltre 400 docenti di Lettere, in Puglia ne mancherebbero 250 di matematica e in Piemonte su 6000 cattedre solo il 24% avrebbe di fatto un titolare. Stesso problema alle scuole superiori: in Toscana solo 200 insegnanti hanno firmato un contratto a tempo indeterminato su una scopertura pari a 3700 posti liberi. Il problema reale, insomma, è rappresentato dallo svuotamento delle graduatorie.

E poi per finire, la grave situazione delle cattedre di sostegno. Anche in questo caso la ‘moria’ degli insegnanti specializzati è presente in tutto il territorio nazionale. Mancano ovunque, da nord a sud, gli inseganti con il titolo di specializzazione. Su questa grave situazione le parole della segretaria generale Cisl Scuola, Maddalena Gissi, sono abbastanza esaustive: “Delle 85 mila cattedre ne resteranno vuote almeno 50 mila”.

Fortunatamente (per il governo) sono pronti 753 mila supplenti a salire in cattedra e otturare i buchi. Il problema maggiore però è rappresentato dal fatto che i nuovi elenchi – a quanto sembra – oltre a non essere ancora pronti all’uso, presentano parecchi errori, rischiando di accrescere i contenziosi tra i candidati e l’Amministrazione e provocando nel frattempo un notevole rallentamento burocratico per l’ulteriore fase delle assegnazioni delle supplenze.