Supplenze scuola
Supplenze da GPS 2020/21: come conoscere calendario convocazioni e disponibilità posti

Supplenze scuola per l’anno scolastico 2020/21, si profila un nuovo record assoluto. Per quanto riguarda le MAD, ovvero le domande di Messa a Disposizione che vengono inviate, ogni anno, da chi ambisce ad insegnare nelle scuole, la circolare annuale del Ministero dell’Istruzione, in via di emanazione, impedirebbe a chi è iscritto nelle Graduatorie ad Esaurimento e nelle nuove Graduatorie Provinciali e di Istituto, di poter presentare domanda.

MAD 2020/21 precluse a chi è già inserito nelle GAE, GPS e Graduatorie di Istituto?

Il sindacato Anief ha espresso la propria contrarietà in merito. Il presidente Marcello Pacifico ne ha parlato senza mezzi termini: ‘Quello che non condividiamo è la previsione contenuta nella circolare che va nel senso di voler precludere la possibilità di presentare MAD al personale già inserito in una graduatoria (che sia essa GaE, GPS o Graduatoria d’Istituto). Non sussiste alcuna ragione per impedire ai docenti inseriti nelle GaE, nelle GPS o nelle GI di presentare MAD in una provincia diversa da quella di inserimento in graduatoria’.

Loading...

Anief: ‘Nessuna ragione per impedire di presentare MAD in una provincia diversa’

Secondo Anief, la limitazione assoluta alla presentazione delle MAD per chi è già inserito in una graduatoria non solo non ha senso, ma rischia di danneggiare la stessa Amministrazione che si priverebbe della possibilità di poter ottenere disponibilità ulteriori per l’assunzione di incarichi di supplenza in province o in sedi scolastiche prive di aspiranti nelle GPS/GI o che le hanno già terminate.

Loading...

Anief: ‘Ministero Istruzione faccia dietrofront’

Il presidente di Anief Marcello Pacifico auspica che il Ministero recepisca la segnalazione del sindacato: ‘Non ha senso che sia limitata a quanti non sono inseriti in una graduatoria utile alle supplenze: questo proprio per non danneggiare quelle scuole che ogni anno faticano a trovare personale supplente già dopo i primi mesi dall’inizio delle attività didattiche’.